menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"I bambini del mondo", premio "Criscenzo" alla Russia: cerimonia al Museo "Griffo"

E' stato assegnato al gruppo "Eralash" di Cheliabinsk, Russia, il premio "Claudio Criscenzo" che rappresenta il momento clou del Festival internazionale del folklore "I Bambini del Mondo", nato proprio sedici anni fa per volontà di Claudio Criscenzo e Giovanni Di Maida

E’ stato assegnato al gruppo "Eralash" di Cheliabinsk, Russia, il premio “Claudio Criscenzo” che rappresenta il momento clou del Festival internazionale del folklore “I Bambini del Mondo”, nato proprio sedici anni fa per volontà di Claudio Criscenzo e Giovanni Di Maida.

Dopo la cerimonia al tempio della Concordia, cui erano presenti anche delle televisioni giapponesi, la consegna è avvenuta ieri sera presso la sala "Zeus" del Museo archeologico messa a disposizione dalla direttrice Gabriella Costantino alla presenza dell’assessore comunale al Centro storico Beniamino Biondi, in rappresentanza dell’amministrazione comunale del sindaco Lillo Firetto. 

Claudio Criscenzo, con le sue qualità artistiche ed umane è stata una  personalità importante nella città di Agrigento e si è sempre impegnato in favore dei giovani trasmettendo passione per la tradizione, per la musica, per l’arte, per gli strumenti musicali, ma soprattutto, ha dedicato la sua vita alla formazione di tanti giovani che sono maturati con i sani principi del vivere insieme. In ragione di questi principi il Festival internazionale “I Bambini del Mondo” fin dalla prima edizione ha posto in primo piano la promozione dei diritti dei minori coniugando il folklore con la promozione culturale e quella umana e sociale.

«Il premio Claudio Criscenzo – hanno detto Giovanni Di Maida, presidente del Festival, e Luca Criscenzo presidente dell’"Aifa" – è stato assegnato alla Russia quale gruppo che con le danze, la musica, i costumi e la sua storia la passione per le tradizioni è riuscito a trasmettere il concetto che attraverso il folklore si può arrivare verso una serena convivenza internazionale».

Nel corso della serata si sono esibiti il trombettista Carmelo Salemi e il pianista Angelo Di Marco.

«“I Bambini del Mondo" hanno assolto con professionalità, competenza e amore il compito loro affidato di aprire la 71esima "Sagra del Mandorlo in Fiore" – ha commentato l’assessore Beniamino Biondi – non poteva esserci manifestazione migliore per rappresentare i valori che la Sagra vuole trasmettere al mondo». 

La 16esima edizione del Festival internazionale "I Bambini del Mondo" si chiude questa sera alle 17, presso i locali dell’Oratorio Don Guanella con la “Preghiera interreligiosa – I Popoli per la Pace”. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento