menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La Scuola adotta il Fec", i Licei scientifici agrigentini si mobilitano

In dettaglio, è stato "oggetto di promozione" il santuario di San Calogero, edificio religioso di rilevante importanza tra quelli realizzati in età medioevale e più precisamente tra il XIV ed il XV secolo

Nell’ambito dell’iniziativa “La Scuola adotta il F.E.C ” gli studenti del Liceo scientifico e musicale "E. Majorana" diretto da Teresa Maria Rita Buscemi, e il Liceo scientifico "Leonardo" diretto da Enza Ierna, si sono impegnati in progetti finalizzati a valorizzare e divulgare la conoscenza del patrimonio degli edifici di culto della provincia di Agrigento.

In dettaglio, è stato "oggetto di promozione" il santuario di San Calogero, edificio religioso di rilevante importanza tra quelli realizzati in età medioevale e più precisamente tra il XIV ed il XV secolo, periodo durante il quale venne favorita la costruzione di numerosi monasteri, conventi e chiese da parte delle potenti famiglie Chiaramonte e Montaperto, le quali per circa due secoli hanno amministrato la città.

Nel corso dei secoli, l’edificio religioso è stato rimaneggiato e, sul finire degli anni ’30 del secolo scorso, è stata rinnovata la facciata prospiciente il Sagrato ed è stato ripristinato l’originario stile architettonico chiaramontano caratterizzato dal peculiare elemento decorativo noto come batôn brisé.  La città di Agrigento, al pari di altre città italiane, si caratterizza per la presenza sul territorio di numerosi edifici ecclesiastici, alcuni dei quali, oltre al santuario di San Calogero, appartenenti al Fec.

Al fine di contribuire alla migliore realizzazione dell’evento, gli alunni del Liceo Scientifico, Linguistico e Scientifico con Opzione Scienze Applicate Statale “Leonardo” di Agrigento si sono impegnati in attività artistiche, espressive e comunicative dalle 16 alle 19. In particolare, gli alunni suddivisi in gruppi disposti sia all’esterno che all’interno dell’edificio religioso e hanno illustrato ai visitatori le notizie storiche relative al santuario, alla tradizione popolare della venerazione del Santo e degli ex voto, descrivendo gli spazi liturgici, le statue, i dipinti e i caratteri architettonici della chiesa nonché lo sviluppo urbanistico del sito in cui essa ricade, anche attraverso lo svolgimento di attività espressivo-comunicative come la realizzazione di pannelli didattici tematici e brochures realizzati per l’occasione, i cui testi sono stati tradotti in lingua straniera. Inoltre, l’evento è stato accompaganato con attività artistiche canoro-musicali con l’esecuzione dell’Inno di Mameli e di melodie tratte dalla tradizione popolare agrigentina legata al culto di San Calogero. In una chiesa gremita di studenti, famiglie, docenti, personale ata,  invitati si sono registrati gli interventi di Enza Ierna, del prelato don Angelo Chillura, dell’assessore Beniamino Biondi e di altri.

Gli studenti del Liceo scientifico e musicale "E. Majorana" sono stati "ciceroni" d’eccezione. Dalle 9  l’animazione liturgica della Santa messa con canti eseguiti dal coro del Liceo musicale "Majorana", alle 10 un concerto degli alunni alle 10,30 la proiezione di un video sullo svolgimento della festa di San Calogero a cura degli alunni del biennio del Liceo "Majorana" di Agrigento. Nel corso della manifestazione è stato possibile inoltre visitare l’esposizione dei pani votivi e ed ha avuto luogo la distribuzione agli intervenuti del “Pane di San Calogero”.

La visita guidata della Chiesa di San Calogero era a cura degli alunni del triennio del Liceo Scientifico “E. Majorana” di Agrigento, che sono stati preparati per questa significativa esperienza culturale dai docenti Alaimo Rosetta, Bellanca Fiammetta, Casà Romina,  Consolo Giacomo, Farruggia Carmelo e Principato Filippo.

Il Patrimonio edifici di culto della provincia rientra sotto la gestione del prefetto di Agrigento, Nicola Diomede. L’iniziativa oltre che dalla Prefettura è patrocinata dal Comune di Agrigento, dall’Arcidiocesi di Agrigento e dall’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento