"Giornate Fai d’Autunno", tutto pronto per il secondo week end

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 24/10/2020 al 25/10/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Evento per bambini

“Che questo furor pieno di civismo possa dare agli italiani sollievo e ai beni che aprite vita nuova”. È l’incoraggiamento del presidente del Fai –Fondo Ambiente Italiano, Andrea Carandini alle delegazioni ed ai gruppi giovani del FAI, in occasione del secondo weekend delle Giornate FAI d’Autunno, in programma domani, sabato 24 e domenica 25 ottobre.
Il Gruppo FAI giovani e la Delegazione di Agrigento, dunque, tornano in piazza per portare una ventata di ottimismo in questo momento di crisi. Aggiunge, poi, Carandini: “Veniamo presi a volte dalla paura, ma non possiamo rinunciare alla vita e con il virus dobbiamo convivere ancora per alcuni mesi, placando l’ansia con il rigore nell’applicare le regole che ci proteggono. In queste giornate non competiamo con alcuno ma cooperiamo per il bene della Repubblica, per il suo ambiente, paesaggio e patrimonio”.
Sulla spinta delle parole di Carandini in provincia di Agrigento il Gruppo FAI Giovani, coordinato da Ruben Russo, in collaborazione con la Delegazione FAI, guidata ad interim da Giuseppe Taibi, continua nel cammino intrapreso la scorsa settimana e riparte con una due giorni alla scoperta dei tesori di arte e  cultura del territorio: dalla Biblioteca Lucchesiana al Giardino della Kolymbethra, dal MUDIA di Aragona al complesso dei Liguorini di Agrigento.  

Partecipare alle Giornate Fai d’Autunno vuol dire non solo godere della bellezza che pervade ogni angolo del nostro Paese e “toccare con mano” ciò che la Fondazione fa per la sua tutela e valorizzazione; vuol dire, soprattutto, sostenere la missione del FAI in un momento particolarmente delicato. Tutti i visitatori, dunque, potranno sostenere il Fai con una donazione libera del valore minimo di 3€ e potranno anche iscriversi al FAI online o durante l’evento. Per avere la certezza di un posto riservato è consigliato prenotare la visita sul sito www.giornatefai.it, scegliere il giorno e l’orario preferiti tra quelli disponibili. 
Ricordiamoci di salvare l’Italia: è attivo il numero solidale 45517 il valore della donazione sarà di 3 euro da cellulare e 5/10 euro da rete fissa (info su www.fondoambiente.it)  
Ricordiamo che iscrivendovi al FAI online potrete usufruire dell’ingresso in alcuni luoghi esclusivi, e dello sconto sul contributo richiesto.
Durante le visite sarà necessario rispettare tutte le norme di sicurezza contenute nei cartelli informativi posti all’inizio del percorso, a partire dal distanziamento sociale per evitare di creare assembramenti.

Di seguito riportiamo i luoghi aperti in provincia di Agrigento dal Gruppo Giovani Fai nei due fine settimana, con orario dalle ore 09,00 alle 13,30 e dalle ore 15,30 alle 18,00.
Agrigento,  Biblioteca Lucchesiana: 
La storia della Biblioteca Lucchesiana di Agrigento, una delle più antiche e prestigiose istituzioni bibliotecarie della Sicilia, è strettamente legata alla figura di Mons. Andrea Lucchesi Palli dei principi di Campofranco, che la fondò nel 1765. In anni recenti, la Biblioteca viene inserita nella lista dei Luoghi del Cuore FAI, dove è tuttora votabile collegandosi all’apposito portale online. 
Agrigento, Casa Museo dei Padri Liguorini: 
Nella storia della città di Agrigento, un gruppo di Padri Liguorini, guidati da P. Blasucci, giunse per predicare le Missioni su invito di Mons. Lucchesi, vescovo di Agrigento. Trovarono inizialmente ospitalità nell’Ospizio degli Oblati e a loro fu affidata dapprima la chiesa di S. Giorgio e poi la chiesa di S. Maria dell’Itria. Il Complesso è sede di casa-museo che raccoglie gli arredi e le collezioni d’arte della Casa dei Missionari Redentoristi di Agrigento.
Aragona, Museo Diocesano Chiesa Madre e Cripta Madonna del Rosario:  
Il Musei Diocesani di Aragona costituiscono il polo distaccato in territorio aragonese del MUDIA agrigentino. Nascono come frutto della sinergia tra la Soprintendenza per i Beni Culturali di Agrigento, che ne ha la cura scientifica, e l’Ufficio BBCCEE della Curia di Agrigento, nonché la Parrocchia con la comunità ecclesiale.
Essi si compongono di due sedi che conservano ed espongono, sotto forma di mostra permanente, beni ed opere d’arte la cui storia si radica nel comune di Aragona. 
Aragona, Chiesa di Santa Maria della Provvidenza e Cristo Nero:
Le prime fonti della presenza di una chiesa rurale dedicata alla Vergine della Provvidenza, già sono presenti negli Atti del notaio Pietro Chiarelli, in data 22 maggio 1626, il quale parla della Cappellania dell’omonima chiesa, sita sull’eminente collina detta Belvedere.  L’opera più importante, però, è senza dubbio, il particolare crocefisso ligneo deposto nella parte destra della chiesa. Il “Cristo nero” come viene denominato dal popolo aragonese è un’opera lignea di scultore ignoto. Esso diversamente dai migliaia di crocefissi riprodotti in tutte le chiese ha delle particolarità. Anzi tutto viene rappresentato un Cristo ancora vivo esalante gli ultimi respiri. All’interno anche la mostra di immagini sacre d’epoca di Carmelo Sciortino ed Alfonso Contrino; 
Casa dell’artista atelier Bellanca 
L’arredamento interno, che originariamente, variava a seconda della zona e delle condizioni economiche del contadino, oggi è composto da circa 300 tele del pittore Salvatore Bellanca  che recentemente ha acquistato la casa e l’ha ristrutturata facendone un atelier per realizzare le sue opere ispirandosi all'espressionismo astratto denominato “Action paiting” diffuso negli anni quaranta e sessanta del Novecento soprattutto negli Stati Uniti d'America. 
Giardino della Kolymbethra
Per i partecipanti alla manifestazione, a partire dalle ore 10,00 di ogni giornata, è previsto l’accesso gratuito al Parco della Valle dei Templi soltanto dall’ingresso di  Porta Quinta, in C.da Sant’Anna, dove  sarà attivato un Punto FAI con i nostri Volontari che accoglieranno i visitatori, eseguiranno i controlli anti-Covid19, ed accompagneranno i gruppi fino al cancello di ingresso della Kolymbethra.
Tra le iniziative segnaliamo: domenica 25 ottobre, alle 11: La riconquista del paesaggio perduto.  Breve storia della rinascita di un antico agrumeto

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Leonardo Sciascia e la fotografia", Roberto Fico all'inaugurazione della mostra

    • dal 19 settembre 2020 al 20 febbraio 2021
    • Fondazione Leonardo Sciascia
  • Via al bagno di Capodanno, a Ribera torna il "Cotton day": ecco alla 12esima edizione

    • Gratis
    • 31 dicembre 2020
    • Seccagrande
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento