Enna, settimana della Legalità: parola ad Ignazio Cutrò

Il 21 maggio al teatro Garibaldi di Enna, alle 19.30, nell’ambito della Settimana della legalità, l’Istituto Comprensivo “De Simone” di Villarosa, presenterà uno spettacolo dal titolo "Tu da che parte stai?", con la regia di Filippa Ilardo e Angelo Di Dio, dell’associazione Culturale L’Arpa, che racconta la storia dell’ imprenditore di Bivona ribellatosi alla logica mafiosa e del racket estorsivo, Ignazio Cutrò. Il testimone sarà presente allo spettacolo e presenterà il suo libro "Abbiamo vinto noi" di Benny Calasanzio Borsellino, edito da Melampo.

"Un modo per ringraziare un uomo coraggioso che rappresenta i migliori valori della nostra terra, quelli del senso dello Stato, della giustizia e della legalità” così commenta lo spettacolo il Dirigente Scolastico Rosetta Greco. Il laboratorio teatrale, seguito dalle tutor Maria Messina e Rosalba Russo, ha avuto come obiettivo quello di diffondere valori di cittadinanza attiva e legalità attraverso i linguaggi artistici, quali il teatro. “Mettere in scena la vita e le scelte di Ignazio Cutrò è stato molto stimolante – commenta Angelo Di Dio, presidente dell’Associazione – in quanto, con semplicità, ma anche con estrema lucidità, incarna un esempio di vita e di umanità che ha forte il senso della giustizia. Poterlo incontrare fisicamente e artisticamente è una di quelle esperienze che i ragazzi non dimenticheranno mai".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Raccontami l’autismo anche in Dad", l'istituto Guarino non si ferma: via al programma

    • Gratis
    • dal 7 al 14 aprile 2021
  • Gli incontri della "Strada degli scrittori", all'evento Ficarra e Picone: il programma

    • solo domani
    • Gratis
    • 9 aprile 2021
  • Forum di giustizia e legalità, via all'evento: ecco tutti gli appuntamenti

    • Gratis
    • dal 8 al 10 aprile 2021
    • Consorzio Universitario di Agrigento
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento