menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tano Avanzato e il gruppo Zabara a Milano con lo spettacolo "Io vedo, io sento...e parlo"

Partendo dall'immediato dopoguerra (1947 – anno della strage di Portella della  Ginestra), Tano...

Il cantastorie bagherese Tano Avanzato e il Gruppo Zabara, presenteranno a Milano il 22 novembre, lo spettacolo teatral-musicale "Io vedo, io sento...e parlo. Mafia da Sud a Nord", con Erminia Terranova, voce; Francesco Denaro, chitarre e percussioni; Giovanni Avanzato, chitarre e clarinetto. Lo spettacolo che inizierà alle 21.15, si terrà presso il "Centro Aggregazione Multifinzionale"  (Cam) di Corso Garibaldi.

Partendo dall'immediato dopoguerra (1947 – anno della strage di Portella della  Ginestra), Tano Avanzato e il gruppo Zabara ci conducono lungo un itinerario, fatto di canzoni, di brani recitati e immagini che attraversa 60 anni di storia. Una storia che inizia in un meridione povero e arcaico e che approda nel ricco ed opulento nord.

Un viaggio, nel tempo e nei luoghi, per dire che se è vero come è vero che le mafie nascono nelle regioni meridionali d'Italia, è altrettanto vero che oggi si sono insediate al nord dove hanno contaminato la vita politica, economica e sociale di questi territori. Ignorare tutto questo, girare lo sguardo da un'altra parte significa, consapevoli o no, favorire oggettivamente la crescita di queste organizzazioni criminali.

Perciò, quello di Tano Avanzato è uno spettacolo che inesorabilmente diventa un monito per tutti (ma in particolar modo per i giovani) e che suggerisce di ribaltare quel comportamento di omertà che per secoli ha enormemente contribuito a rendere forti le mafie. Dunque, mai più: “nenti sacciu, nenti vitti, nenti n'tisi” bensì: Io vedo, io sento...e parlo. Interviene Umbetto Ambrosoli, presenta lo spettacolo Jole Garuti. La serata è realizzata in collaborazione  con l’Associazione La Conta Onlus.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento