menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 -1558

-1558

Studenti agrigentini visitano beni confiscati alla mafia

L'iniziativa è promossa con il sostegno di Mariagrazia Brandara, presidente del “Consorzio...

Il centro di educazione ambientale e per la legalità di Siculiana, realizzato in una struttura confiscata alla mafia, sarà meta degli studenti della scuola media “Federico II” di Villaggio Mosè, venerdì 14 ottobre 2011 alle 15. I ragazzi con i rispettivi genitori, guidati dalla insegnante Stefania Zambuto, effettueranno una visita guidata nell'ambito del progetto “Chi va sano va lontano”.

L'iniziativa è promossa con il sostegno da Mariagrazia Brandara, presidente del “Consorzio Agrigentino per la legalità e lo sviluppo", che ha espresso soddisfazione per l'avvio di un percorso in collaborazione con il Comune di Siculiana, improntato sulla promozione sociale capace di coniugare cultura e legalità in un territorio che dimostra di avere in sé risorse per l'affermazione di valori positivi.

Il sindaco Mariella Bruno, sottolinea l'importanza dell'iniziativa che è anche occasione per a rendere accessibile una struttura nata per favorire una sana aggregazione dei giovani, in attesa che venga completato l'iter per l'affidamento all'Ats. (Wwf Italia, Marevivo e Legambiente). La scolaresca concluderà la visita con un incontro presso la sala Consiliare con un momento di riflessione e di socializzazione. Ad accompagnare gli studenti sarà il vice sindaco  Giuseppe Zambito, assessore alla Cultura e alla Legalità, che ha evidenzia l'importanza dell'iniziativa per un'Amministrazione che vuole sempre più qualificarsi come punto di riferimento per la promozione di una cultura della legalità in favore dei giovani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento