rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cultura

Il premio "Bellini Gar" immortalato dagli obiettivi di Pisciotto e Vernice

I due agrigentini erano i soli fotografi dell'evento, chiamati appositamente dallo stilista...

Sono stati gli agrigentini Salvatore Pisciotto e Michele Vernice gli unici due fotografi del “ Vernissage moda premio Bellini Gar” di Catania. Piscitto e Vernice sono stati chiamati appositamente dallo stilista Claudio Greco per immortalare i migliori momenti dell'evento.

Grazie a questo gala della moda, sulla passerella di Piazza Teatro Massimo sono arrivati nomi  illustri e abiti da sogno, creazioni esclusive e personaggi di fama internazionale che hanno ricevuto il prestigioso Premio divenuto il simbolo di un evento che coniuga cultura moda e spettacolo nel cuore del passato. Presentata da due conduttori d’eccezione quali Nino Graziano Luca e Carla Previtera, la serata ha visto anche momenti dedicati al sociale. Un tema molto caro all’ideatrice che ha voluto anche in questa occasione devolvere a Telethon i proventi della serata grazie a banchetti allestiti intorno alla piazza dove con un piccolissimo contributo di cinque euro ciascuno ha avuto la possibilità di dare un aiuto concreto alla ricerca. A tal fine è intervenuto sul palco anche Maurizio Gibilaro, coordinatore provinciale dell’associazione, al quale è andato un riconoscimento per l’impegno messo al servizio della lotta alle malattie genetiche. In un’insolita atmosfera autunnale a godersi lo show un parterre d’eccezione.

Quest’anno ad essere insigniti del prestigioso “Bellini Gar “sono stati lo stilista Lorenzo Riva, il cantautore Luca Madonia e i primi ballerini del Teatro alla Scala di Milano e del Teatro Municipal di Rio de Janeiro Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta. Questi ultimi, compagni di vita oltre che di scena, hanno regalato al pubblico un meraviglioso passo a due sulle note di una musica che grazie all’acustica perfetta ha esaltato il momento danza. Molto bella anche l’esibizione di Luca Madonia che ha riproposto “L’alieno”, pezzo che ha ottenuto notevole successo nella scorsa edizione del Festival di Sanremo. Dulcis in fundo a ricevere il premio lo stilista di fama internazionale Lorenzo Riva, personaggio poliedrico ed eccentrico che ha fatto sorridere il pubblico con un abbigliamento volutamente in contrasto con i canoni della moda.

Riconoscimenti sono andati anche agli imprenditori Aldo Isaia e Vincenzo Presti, a Davide Pellegrino per le profumerie “ La Gardenia” , ad Alfio Pennisi, a Giosue Greco e ad Alfio Di Maria, inventore del Premio internazionale di Giornalismo “ Alfio Russo” Giara d’Argento. Un riconoscimento particolare è andato alla stilista Maria Francesca Paternò che ha aperto il momento moda con una splendida sfilata a conclusione della quale ha presentato l’abito creato in occasione dei 150 anni dall’Unità d’Italia. Un omaggio al tricolore e un messaggio positivo di speranza per la nostra città grazie a un prodotto di alta manifattura che al rigore del bustier verde ha abbinato la dolcezza di un drappeggio in organza bianca e tulle rosso per esaltare i colori della nostra bandiera. A indossarlo è stata Tania Bambaci, Miss Mondo Italia 2011. In passerella hanno sfilato anche l’haute couture di Ruggeri, I gioielli di Aldo Campione, la lingerie di Vita Intima, gli abiti di Francesca & Manuela, le calzature di Meli. E per il gran finale è stata chiamata sul palco un’ entusiasta Gianna Azzaro accolta dagli applausi del pubblico e dagli splendidi fuochi, offerti da Vaccalluzzo per l’occasione, che hanno illuminato la sigla di un evento dal successo ormai consolidato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il premio "Bellini Gar" immortalato dagli obiettivi di Pisciotto e Vernice

AgrigentoNotizie è in caricamento