menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Premio "Empedocle":  Cerimonia di chiusura e premiazione in teatro-2

Premio "Empedocle": Cerimonia di chiusura e premiazione in teatro-2

Premio "Empedocle": Cerimonia di chiusura e premiazione in teatro

Premiati Giovanni Maria Vian, Maria Cecilia Sangiorgi, Luciano Sovena e Lucetta Scaraffia

Lo splendido scenario del Teatro Pirandello di Agrigento, ha ospitato domenica pomeriggio, la cerimonia di consegna del 19esimo premio “Empedocle” per le Scienze umane in memoria di Paolo Borsellino e dedicato per questa edizione alla Scienza della comunicazione sociologica, organizzato nell’ambito della edizione 2011 delle iniziative dell’Accademia di studi mediterranei di Agrigento presieduta dall’avvocato Diego Galluzzo.

Alla presenza delle autorità religiose, politiche, diplomatiche, civili, militari e personalità e studiosi di primo piano del panorama giornalistico e culturale italiano, la giuria ha assegnato il premio della prima sezione “Pubblicistica” a Giovanni Maria Vian, direttore de l’’Osservatore Romano” ed ordinario di Filosofia Patristica Università “La Sapienza” di Roma; per la seconda sezione ”Documentaristica”, ha ricevuto il premio la giornalista e conduttrice della rubrica di informazione religiosa di Canale 5 “Le Frontiere dello Spirito”, Maria Cecilia Sangiorgi;  per la terza sezione “Filosofia della Comunicazione nella Cinematografia” il premio è stato conferito a Luciano Sovena, produttore di “Cinecittà Luce” e Docente di Scienza della Comucazione Università ”La Cattolica”di Milano e “Suor Orsola Benincasa”di Napoli; ed infine per la sezione “Storia della Religiosità’ Femminile”  il premio è stato assegnato a Lucetta Scaraffia docente de “La Sapienza” di Roma ed editorialista de “L’Osservatore Romano”. 

L’Accademia di studi mediterranei di Agrigento, rinnova ogni anno il prestigioso evento di ampio spessore culturale, grazie all’instancabile impegno del presidente onorario Assunta Gallo Afflitto. “Anche per questa edizione - afferma il Presidente  Diego Galluzzo - possiamo registrare  un bilancio positivo dell’evento. Abbiamo assistito a tre giornate di lavori, che hanno riunito noti  accademici  di Sicilia e d’Italia, rinnovando un appuntamento finalizzato alla promozione e diffusione della cultura e della scienza,  che si pone quale importante  momento di formazione per gli  studenti agrigentini”.

Gli appuntamenti al Collegio dei  Filippini di Agrigento, con il convegno “Mass-Media: informazione, formazione e deformazione” ed il seminario di studi  dedicato all’analisi di due recenti pubblicazioni di Papa Benedetto XVI: ”Luce del Mondo” e “Gesu di Nazaret. Dall’ingresso in Gerusalemme fino alla risurrezione”, hanno contribuito ad un’attenta riflessione  su temi di ampissima attualità. L’intervento di monsignor Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranense, e di monsignor Antonio Pitta, ordinario di Esegesi del Nuovo Testamento, della Università Pontificia Lateranense, hanno posto l’accento sull’invito del Papa a studiare in maniera esauriente la crisi della modernità, tracciando un cammino comune che fonda le proprie radici sul dialogo  e l’ascolto; il realismo della fede e l’intesa come incontro con Gesù Cristo ed ancora come il credente deve accostarsi ai Testi Sacri. Un mondo che rifiuta Dio, come unico assoluto valore, relegando nella sfera  di un’opzionale pratica religiosa  individualistica, precipita nel baratro del non senso.

”I valori intramondani – spiega monsignor Enrico dal Covolo - sganciati dal riferimento  all’unico assoluto valore, perdono il loro significato autentico e diventano degli idoli, trappole mortali, che ammazzano la dignità dell’uomo. E’ questa la grande sfida che la modernità nella sua crisi pone al credente, questi valori - ribadisce - se indebitamente assolutizzati, ci lasciano senza salvezza e senza speranza. Viceversa i valori intramondani trovano spazio di crescita e sviluppo in un mondo disposto a riconoscere il proprio limite , in obbedienza a Dio , che svela all’uomo il vero volto dell’uomo e del mondo, indicando la verità assoluta di sé e  dell’uomo, nell’amore di chi è disposto a dare la propria vita per coloro che ama”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento