menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Barbara Cola

Agrigento, Barbara Cola alla Casa del Musical: "Giovani, non mollate mai"

La cantante bolognese si racconta in una lunga intervista: Sanremo, l'incontro con Gianni Morandi e l'avvento dei talet show

Ha ascoltato e guardato attentamente i circa trenta ragazzi presenti all'interno della sala prove della "Casa del Musical" dell'agrigentino Marco Savatteri. L'artista bolognese Barbara Cola, una delle voci più importanti del palcoscenico della musica italiana, ha fatto tappa ad Agrigento. Alle spalle il tramonto e davanti a sè il futuro degli aspiranti artisti, che a turno si sono alternati con brani e passi di danza.

Barbara Cola, conosciuta al grande pubblico come l'interprete della canzone “In Amore”, duetto con Gianni Morandi, e con un festival di Sanremo quasi conquistato, si è concessa ai nostri microfoni.
L'approccio con i ragazzi è stato bellissimo e tenero - ha spiegato l'artista - all'inizio non sapevo davvero cosa fare, loro mi guardavano con un tono interrogativo ma poi tutto è venuto spontaneo e naturale. Ho ascoltato delle cose interessanti, gli insegnamenti che do ai giovani sono sempre gli stessi, non bisogna mollare mai, serve pazienza perchè il nostro è un lavoro veramente difficile”.
Le recenti classifiche raccontano di una presa di posizione degli “studenti" dei talent show. A Barbara Cola chiediamo un parere sull'avvento delle nuove “scuole” sotto i riflettori.
I talent show tendono a creare pochi vocal coach per molti ragazzi, dedicando veramente poco tempo per capire i desideri dei ragazzi creativi e musicali. Nelle scuole alla 'vecchia maniera' i ragazzini vengono curati con molto più tempo a disposizione. Si tende a preferire l'artigianato musicale, l'intuito dell'insegnante di canto, che a mio avviso deve essere lungimirante e molto attento”.
Barbara Cola ricorda gli anni Novanta come il periodo più importante della sua carriera: l'incontro con Gianni Morandi e quel duetto insieme, ma anche gli insegnamenti del suo “collega” bolognese.
“Morandi il mio mentore? Direi di sì. Mi ha insegnato a non dimenticare la mia prima insegnante di canto, proprio come ha fatto lui. Lui mi ha dato il primo palco dal quale trarre molto”.
La carriera della cantante è iniziata molto presto: era una quindicenne quando ha scritto ed interpretato i primi brani. 
- Qual è la differenza tra i quindicenni di un tempo e quelli del nuovo millennio?
“Adesso loro sono stimolati veramente da ogni dove, dalle nuove piccole star che veramente possono fare girare la testa. I quindicenni di un tempo erano meno bombardati dalle cose più effimere, avevano forse delle basi più interessanti sulla quale lavorare, ma c'è sempre tempo per recuperare” .
In conclusione chiediamo alla cantante i suoi progetti futuri: Tornare in Sicilia è sempre un piacere, adesso sono in procinto di riprendere il teatro musicale, ho appena finito una bellissima tournèe con Giampiero Ingrassia nel 'Salvatore Giuliano', ho in mente anche un progetto musicale recitato e cantato, dove sarò sola sul palco e con un quintetto”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento