rotate-mobile
Economia Palma di Montechiaro

Vertenza "Dedalo Ambiente", salvati i 22 posti di lavoro

Per i 280 lavoratori "traghettati" alla Srr la certezza che verrà valutata, caso per caso, la loro posizione e se emergeranno incongruenze fra la mansione svolta e la qualifica posseduta, gli verrà riconosciuta la reale qualifica

Ventidue posti di lavoro salvati e la certezza per 280 lavoratori - che dalla Dedalo Ambiente sono "traghettati" alla Srr - che verrà, caso per caso, valutata la loro posizione e se emergeranno incongruenze fra la mansione svolta e la qualifica posseduta, la Srr riconoscerà, a far data dall'assunzione, la reale qualifica. E' un traguardo eccezionale, forse anche inatteso, visto le iniziali premesse, quello raggiunto dalla Confael, il sindacato di cui è segretario provinciale Manlio Cardella.

I 22 lavoratori - 4 operatori ecologici ed un'autista di Canicattì, 10 netturbini e 6 autisti del cantiere di Palma di Montechiaro e un operatore ecologico di Licata - erano stati già licenziati dalla "Dedalo Ambiente", la società in liquidazione che fino a poco tempo fa si occupava del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nell'Ato Ag3 di Licata che comprendeva i Comuni di Campobello, Naro, Camastra, Palma, Ravanusa e Canicattì.

"Il licenziamento è stato impugnato, come prevede la legge, - ha spiegato, ieri, il segretario della Confael Manlio Cardella - e abbiamo chiesto che la Srr applicasse il cosiddetto transito dei lavoratori con effetto diretto e immediato. Ritenevamo, come l'ufficio provinciale del lavoro, che vi fossero dei margini per poterli fare transitare. Le parti sono rimaste però sulle loro posizioni e i lavoratori sono stati licenziati. La Srr ha preso atto della risoluzione del rapporto di lavoro ed ha assunto tutti i licenziati. La partita è stata chiusa, dunque, salvaguardando il posto di lavoro di questi impiegati che erano praticamente rimasti fuori. Nella sostanza i 22 lavoratori si sono portati appresso l'anzianità retributiva maturata alla Dedalo - ha aggiunto Cardella - . Non hanno perso il lavoro e nemmeno i diritti contributivi e salariali maturati. Abbiamo ottenuto anche, e non è una cosa secondaria, per tutti coloro che avevano contenziosi civili con la Dedalo Ambiente, perché magari avevano svolto mansioni superiori rispetto alla qualifica che avevano, la possibilità di poterli portare avanti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza "Dedalo Ambiente", salvati i 22 posti di lavoro

AgrigentoNotizie è in caricamento