Economia

Parco archeologico sempre più "ricco", bilancio chiuso con un avanzo di 9 milioni

Nel 2016 era di "soli" cinque milioni di euro: a pesare sono i ticket venduti, ma ovviamente soprattutto i numerosi finanziamenti captati per la realizzazione di opere e attività di ricerca

Il Parco archeologico è sempre più "ricco":  il bilancio 2017 è stato chiuso con un avanzo di amministrazione quasi doppio rispetto all'anno precedente.

Per la precisione, a fine 2017 il Parco certificava un avanzo di amministrazione di quasi 10milioni di euro (era di 5 milioni e 600mila euro nel 2016), di cui 2.900.000 euro vincolate per investimenti (fondi per progetti) e 660mila per spese correnti. Capitolo, quest'ultimo, dentro cui non rientra ovviamente la spesa per il personale, per quanto sia a carico della struttura agrigentina il pagamento dei progetti di produttività come le aperture notturne.

“Siamo tra i primi organismi regionali, se non il primo – ha dichiarato il presidente del Consiglio del Parco, Bernardo Campo -, che ha il bilancio approvato ed in regola con la tempistica dettata dalla normativa vigente. Con l'approvazione del consuntivo 2017 siamo riusciti a liberare, quindi, ulteriori risorse necessarie per una programmazione di interventi strutturali di ampio respiro. Già dal prossimo Consiglio del Parco – continua -  è stata posta all'ordine del giorno l'attuazione degli interventi del Piano triennale delle opere pubbliche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco archeologico sempre più "ricco", bilancio chiuso con un avanzo di 9 milioni

AgrigentoNotizie è in caricamento