Confcommercio minaccia lo sciopero fiscale, Valenza: "Unica soluzione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Anche ad Agrigento si pensa di aderire allo sciopero fiscale, una forma di protesta e non di elusione o evasione delle tasse. Ecco come i commercianti intendono protestare contro le nuove restrizioni, in ultimo la chiusura obbligatoria in Sicilia dei negozi domenica e festivi

Alfonso Valenza, presidente di Confcommercio della Provincia di Agrigento commenta così: Continuiamo a correre dietro il virus, pensano che chiudendo i negozi la domenica si possa arrestare il contagio. Abbiano il coraggio di scelte vere, continuando così, nella totale incertezza, portato i titolari di P.Iva all’esasperazione. 

Per questa ragione si va verso la scelta dello sciopero fiscale, iniziativa sicuramente forte, che nasce con l'idea di sospendere il pagamento di tasse e imposte come Imu, Irpef e Tari.  

Il settore terziario - aggiunge Valenza -  è stato uno dei più colpiti dalla crisi economica legata all'emergenza sanitaria. I ristori previsti dal Governo sono del tutto insufficienti per tantissime attività  e lavoratori ormai al collasso e che ancora una volta vedono negata la richiesta più importante, quella di una sospensione totale dei contributi. Ora, con il caldo delle vendite vicino al 90%, ulteriormente penalizzati dai nuovi provvedimenti regionali, chiediamo un anno bianco fiscale per chi non ce la fa.

Mi auguro che questa azione di protesta pacifica faccia breccia e porti ad attivare strumenti piu' efficaci di protezione e tutela delle categorie economiche piu' danneggiate. Mi auguro - conclude Valenza - che la smettano di penalizzare il nostro settore con scelte fuori da ogni logica.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento