Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia

Poste italiane, anche in provincia via all'accordo con Sma Italia: ok alla cessione del superbonus

Con l’accordo sarà possibile acquisire direttamente i bonus fiscali dai cittadini attraverso il meccanismo dello “sconto in fattura” sugli interventi di efficientamento energetico con il fotovoltaico

Supporto sostenibile del Paese. Un binomio giusto tra Poste Italiane e le piccole e medie imprese con l'impegno "green". Il mondo "Sma", azienda leader nel settore della produzione di inverter e di soluzioni integrate per il mercato fotovoltaico, consentirà agli installatori partner del gruppo di accedere all'offerta di "Cessione del credito d’imposta” di Poste Italiane a condizioni ad essi dedicate nell’ambito della soluzione Sma 110 Energy Solution.

Anche nella provincia di Agrigento, i cittadini potranno cedere il credito d’imposta maturato a seguito di interventi scontando direttamente l’importo dal corrispettivo dovuto (il cosiddetto “sconto in fattura) ai professionisti partner Sma Italia per l’installazione dell’impianto fotovoltaico.

“Siamo soddisfatti  dice Valerio Natalizia, Amministratore Delegato di Sma Italia - di annunciare questo accordo, che offrirà un ulteriore servizio agli installatori e quindi un vantaggio anche ai clienti finali, che potranno così accedere facilmente alle agevolazioni fiscali. La nostra soluzione Sma 110 Energy Solution, già completa ed efficiente dal punto di vista tecnologico, diventa oggi più integrata e, soprattutto, rende più fattibile per gli italiani prendere in considerazione una risorsa come il fotovoltaico permettendo di superare l’ostacolo del credito. Il fatto che un player dell’importanza di Poste Italiane abbia deciso di collaborare con noi non fa altro che confermare la qualità e serietà della nostra proposta”, afferma Valerio Natalizia, Amministratore Delegato di SMA Italia.

Ecco di cosa si tratta

I prodotti compresi nella soluzione recentemente lanciata da Sma Italia consentono sia il risparmio fino all’80% all’anno in bolletta grazie all’autoproduzione di energia, sia  il miglioramento della classe energetica di un appartamento. Per questa ragione rientrano quindi tra i principali interventi agevolabili al 110% e cedibili a terzi, secondo quanto previsto dal “Decreto Rilancio” dello scorso mese di maggio. Per poter usufruire del Superbonus 110%, si dovranno infatti realizzare interventi di efficientamento energetico che, nel loro complesso, assicurino un miglioramento di almeno due classi energetiche oppure, ove questo non fosse possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste italiane, anche in provincia via all'accordo con Sma Italia: ok alla cessione del superbonus

AgrigentoNotizie è in caricamento