menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Alessandro Cacciato, Alessio Nobile, e Gianluca Randisi

Da sinistra: Alessandro Cacciato, Alessio Nobile, e Gianluca Randisi

"Come rilanciare la Sicilia", l'idea di tre agrigentini che viaggia sul web

Alessio, Alessandro e Gianluca, partendo dal fatto che in Sicilia si è persa la motivazione e la speranza di avere un lavoro, hanno deciso di costruire una piattaforma web: "Sicily.Technology" che si prefigge, tra gli altri, anche l'obiettivo di diventare un posto dove fare comunità

Come "combattere" la disoccupazione giovanile, l'assenza di capitale circolante e l'assenza di idee? E' una domanda che rimbomba dallo scorso luglio nella testa di tre giovani agrigentini che hanno contestualmente deciso di cercare alcune risposte costruendo un sito internet (https://sicily.technology). Alessio Nobile, Alessandro Cacciato e Gianluca Randisi sono uniti da un forte e comune interesse verso l’innovazione e lo sviluppo del sociale tramite la creazione di ecosistemi innovativi e sostenibili. 

Tre storie diverse, tre persone con competenze complementari che si sono unite in un progetto unico: "Sicily.technology": «Un'idea – spiegano i tre ragazzi - che nasce lontano dalla Sicilia e che nasce per avvicinare la Sicilia al resto del mondo, a quella parte del mondo legata all’imprenditorialità giovanile, alle startup e ad una diversa cultura imprenditoriale e di pensiero».

Alessio, Alessandro e Gianluca, partendo dal fatto che in Sicilia si è persa la motivazione e la speranza di avere un lavoro, di costruire azienda o di pensare in maniera positiva e propositiva all’innovazione sociale, tecnologica, culturale e cittadina, hanno quindi deciso di costruire una piattaforma web. L’idea dei tre ragazzi è arrivata dopo aver esaminato la qualità della comunicazione e della formazione in diversi luoghi del mondo: sin dal primo momento hanno capito che queste due leve (comunicazione e formazione) hanno un impatto molto forte sulla società e sulla loro propensione e positività nel fare le cose. Partendo da ciò, e dopo aver visto che non vi era nulla in Sicilia che parlasse ai siciliani di temi che guardano positivamente al futuro, i tre ragazzi hanno iniziato a lavorare sulla loro idea di piattaforma/comunità.

«Se riusciamo a far capire alle persone che fare azienda in Sicilia è possibile e c’è un mercato globale pronto, - dicono Alessio, Alessandro e Gianluca - se riusciamo a far capire che esistono città intelligenti ed amministrazioni gestite in maniera efficiente, se riusciamo a far capire quali sono le opportunità derivanti dalla comunità europea aperte ai siciliani, allora possiamo cambiare tante cose; ma per fare questo dobbiamo occuparci di formazione e informazione tramite esempi e storie, storie di chi lo sta facendo con successo per dimostrare che tutto è possibile, tutto, anche ciò che sembra impossibile».

Così da una triangolazione tra Amsterdam (dove risiede Alessio), Monaco (città in cui vive Gianluca) e Agrigento (dove abita Alessandro), i tre hanno iniziato la loro avventura, accompagnati e sostenuti dalla complementarità delle loro competenze: Alessio si è infatti occupato dello sviluppo del sito, Gianluca della strategia di comunicazione, del posizionamento e dell’esperienza dell’utente online e Alessandro di tutta la parte relativa alla produzione e divulgazione dei contenuti.

«L’obiettivo – spiegano ancora i tre ragazzi agrigentini - è parlare con positività ai siciliani, da sempre grandi innovatori, condividendo i casi e le pratiche di successo in Sicilia, in Italia e nel mondo per far sì che questo fuoco non si spenga nei meandri della sterile comunicazione odierna fatta di attacchi politici, storie di cronaca nera e continui comunicati pieni di negatività e allo stesso tempo offrire agli utenti del web e a chi ha idee e capacità la possibilità di divulgarle, chiedere consigli tecnici e legali e diffonderle in un ambiente adeguato, ovvero in un mondo che cerca, appunto, innovazioni tecnologiche». 

"Sicily.Technology" si prefigge così l'obiettivo di parlare di casi aziendali di successo in Sicilia, di innovazione e di cultura manageriale efficace, ma anche l’obiettivo di diventare un posto dove fare comunità, dove raggruppare tutti i siciliani che gravitano intorno a tutte le dimensioni dell’innovazione, per scoprire, parlare e affrontare in maniera propositiva progetti e problematiche siciliane. Così i "tre ragazzi" oggi sono diventati sette grazie all’ingresso di Gio Limblici, Anna Capraro, Ilaria Bordenca e Giuseppe Cozzo, e hanno degli obiettivi molto chiari: cultura, formazione e comunità.

«Vogliamo fare crescere "Sicily.technology" – dicono ancora Alessio, Alessandro e Gianluca - perché vogliamo far crescere e cambiare la Sicilia. Per cambiare la Sicilia abbiamo bisogno di una rivoluzione culturale, le persone devono capire che il cambiamento è possibile e dipende solo da ognuno di noi, per questo vogliamo ampliare le nostre tematiche e stiamo lanciando nuove rubriche su: Open Data, Cultura, Arte e Turismo Innovativo. Inoltre vogliamo cominciare a lavorare attivamente sulla formazione delle persone, per questo grazie ad altre collaborazioni, nel breve periodo vogliamo introdurre dei webinars e dare la possibilità a chiunque sia interessato di ricevere una formazione tematica basilare in pillole e interagire con degli esperti. Infine apriremo un forum ed una mailing list in modo da iniziare dialoghi costruttivi a supporto di ecosistemi».

(Gianluca, Alessio e Alessandro sono in cerca di nuovi collaboratori su diverse tematiche, come ad esempio fondi europei. Chi volesse contribuire al progetto, può scrivere una mail all’indirizzo sicily.technology@gmail.com).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
AgrigentoNotizie è in caricamento