Economia

Esclusa dalla graduatoria per un ritardo postale, azienda vince ricorso al Tar

Gli avvocati Rubino ed Impiduglia hanno sostenuto che il "ritardo nella trasmissione della predetta documentazione era imputabile alla condotta della pubblica amministrazione"

Istanza di partecipazione a fondi a sostegno delle aziende agricole rifiutata per un disguido postale, la “Tenute Racinesi” di Agrigento vince ricorso dinnanzi al Tar e dovrà essere riammessa in graduatoria.

Il legale rappresentante della società si era rivolto al Tribunale amministrativo regionale con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, per l’annullamento, previa sospensione, del provvedimento di esclusione della domanda della società ricorrente per mancata cantierabilità del progetto. In particolare è stato contestato al Tar l’eccesso di potere, atteso che "la documentazione di cantierabilità era comunque pervenuta prima della conclusione della procedura e, altresì, considerato che il ritardo nella trasmissione della predetta documentazione era imputabile alla condotta della pubblica amministrazione".

Il Tar, ritenendo fondate le censure formulate, ha accolto il ricorso rilevando che “la richiesta della cantierabilità è un onere sproporzionato da imporre ai richiedenti il sostegno comunitario in assenza della certezza dell’ammissione al finanziamento conseguente all’approvazione della graduatoria definitiva e alle possibili variazioni di quella provvisoria derivante dall’accoglimento di reclami o ricorsi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esclusa dalla graduatoria per un ritardo postale, azienda vince ricorso al Tar

AgrigentoNotizie è in caricamento