rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Si cambia

Reddito di cittadinanza, formazione obbligatoria e "controlli continui": cosa succede

Secondo il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone 198 mila percettori sono stati già "instradati" verso l'inserimento lavorativo o di riqualificazione delle competenze

"Il punto vero è cosa sarà dato al posto del reddito di cittadinanza: politiche attive e di accompagnamento al lavoro più rispondenti alle esigenze del mercato. L'obbligo di formazione per i percettori di reddito di cittadinanza era già previsto dalla legge, ma si era incagliato nella mancanza di infrastrutture e nel ritardo nel potenziamento dei centri per l'impiego. Noi abbiamo avviato una revisione della modalità di presa in carico e avviamento alla formazione. Ora i controlli sono continui e costanti. Il risultato è che nel mese di gennaio sono state respinte 46.250 domande, revocate 7.986 prestazioni, poste in decadenza 14.769 pratiche". Lo spiega il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone in una intervista a Libero.

"Il programma 'Garanzia occupazione lavoro' - spiega - ha già preso in carico attraverso i centri per l'impiego 198 mila percettori del Reddito e li ha instradati verso percorsi di inserimento lavorativo e di aggiornamento o riqualificazione delle competenze. Si tratta di circa due terzi del totale dei percettori convocati e che hanno aderito al programma. Sono oltre 47mila invece, i fruitori del reddito per cui è stata individuata e concordata un'attività formativa da svolgere".

"Questi numeri - sottolinea il ministro - cresceranno rapidamente: oltre 161 mila beneficiari, cioè l'81%, potranno iniziare l'attività formativa perché sono stati aggiudicati o sono in via di aggiudicazione gli avvisi per l'attività di formazione che le Regioni hanno pubblicato avvalendosi delle risorse di 'Garanzia occupazione lavoro'".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza, formazione obbligatoria e "controlli continui": cosa succede

AgrigentoNotizie è in caricamento