Porto Empedocle realizza il sogno: sarà scalo per crociere, pubblicato il bando

Si tratta di progetto da oltre 20 milioni di euro. Il terminal passeggeri verrà realizzato alla banchina di ponente del molo Crispi

Una veduta del porto di Porto Empedocle

Il bando per la redazione della proposta al Consiglio superiore dei lavori pubblici dell'adeguamento tecnico funzionale relativo alla progettazione di un terminal passeggeri è stato pubblicato. Porto Empedocle s'avvia a realizzare un sogno: sarò punto d'approdo per le navi da crociera. Un progetto da oltre 20 milioni di euro.

Turismo crocieristico, Porto Empedocle tra i 4 porti siciliani d'eccellenza 

L'autorità di sistema portuale prosegue l'iter burocratico per realizzare i lavori. Il terminal passeggeri verrà realizzato alla banchina di ponente del molo Crispi. L'importo a base d'asta è di 98.852 euro, mentre la nuova stazione marittima costerà in totale 20 milioni di cui 16 milioni per opere marittime, 3 milioni per edilizia e 1 per impianti. Nonostante l'assenza di strutture accoglienti, lo scorso anno, si sono registrati 18 approdi con 2.303 passeggeri.

Nel porto manca un terminal dedicato al traffico croceristico e gli ormeggi delle navi oggi avvengono al secondo braccio del molo di levante (banchina Todaro), in un'area condivisa con la società Italkali. La nuova banchina dovrà poter ospitare una nave lunga fino a 300 metri, di larghezza fino 32,20 metri, con pescaggio di 8 metri, che trasporta in media 2500 turisti oltre l'equipaggio. Alle spalle della banchina è prevista la costruzione di un terminal passeggeri di 3.000 metri cubi.

La Uil: "Una splendida notizia" 

"Una splendida notizia in un momento buio non solo per la nostra provincia, ma per l'intero Paese. In piena pandemia Coronavirus, apprendiamo che è stato pubblicato il bando per la progettazione di un terminal passeggeri a Porto Empedocle - scrive la Uil - . Una battaglia che abbiamo portato avanti assieme alla sindaca empedoclina, Ida Carmina. Ci siamo subito interessati anche contattando gli uffici preposti al Demanio marittimo ed alla Regione dopo che due grosse compagnie: Costa ed Msc hanno messo nero su bianco la volontà di investire al porto empedoclino. Non sappiamo quando il traffico crocieristico potrà riprendere, ma di sicuro, il virus verrà sconfitto e tutti torneremo alla nostra vita di sempre. Il nostro territorio si dovrà far trovare pronto. Le crociere da sempre rappresentano la ricchezza visto che settimanalmente arrivano migliaia e migliaia di turisti. Adesso, vigileremo affinché la burocrazia non rallenti il tutto. Questo territorio deve guardare avanti con ottimismo in virtù del fatto che le sue bellezze paesaggistiche e archeologiche fanno gola a tante aziende di portata mondiale. La costruzione di un terminal - concludono dalla sigla sindacale - significa anche interessante prospettiva di posti di lavoro".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

  • Impennata di contagi da Coronavirus, Camastra diventa zona rossa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento