Cave dell'ex Italcementi, presentato il progetto di risanamento ambientale

Il piano di lavoro dovrà essere approvato dal consiglio comunale di Porto Empedocle e dall'assessorato regionale all'Ambiente. I sindacati: "Venga prestata particolare attenzione ai riscontri occupazionali che possono derivare"

Una veduta dell'Italcementi di Porto Empedocle

Risanamento ambientale in una cava dell'Italcementi. Depositato il progetto in consiglio comunale. 

"Finalmente, una vertenza avviata nel 2014, comincia ad intravedere la luce. Una battaglia che Cgil, Cisl e Uil si sono intestate e che riguarda l'avvio di una nuova attività lavorativa in una delle cave ex Italcementi a Porto Empedocle" - scrivono le sigle sindacali - . Il progetto di risanamento ambientale riguarda una delle cave che era in precedenza utilizzata per attività estrattiva.

"Il progetto prevede il riempimento della cava attraverso l’utilizzo di materiale inerte provenienti da scarti di demolizione e scarificazione - rendono noto i confederali - . In un primo momento verranno utilizzati quattro posti di lavoro che comunque si auspica possano aumentare nel tempo. Determinante, in proposito, è stato l’impegno profuso dall’ex prefetto Dario Caputo e dal sindaco Ida Carmina che hanno lavorato alacremente e in sinergia con le organizzazioni sindacali per ottenere un concreto risultato per un progetto che ha richiesto quasi sei anni per la propria presentazione e che ha rischiato più volte di arenarsi tra i cavilli burocratici".

I segretari generali di categorie Alfonso Buscemi e Vito Baglio per la Cgil, Emmanuele Piranio e Giuseppe Sanfilippo per la Cisl, Gero Acquisto e Andrea Festa, per la Uil,  hanno espresso soddisfazione e si dicono "fiduciosi per la  positiva e celere prosecuzione dell’iter di approvazione da parte del consiglio comunale di Porto Empedocle e successivamente dell'assessorato regionale all'Ambiente". Le sigle sindacali si augurano anche "che venga prestata particolare attenzione ai riscontri occupazionali che possono derivare da tale progetto, in un periodo di estrema difficoltà economica che il territorio si trova ad affrontare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento