Stop ai conguagli di Girgenti acque, Spataro: "Incontreremo l'Ati, pronti ad una nuova battaglia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Ci fa obbligo precisare, per onestà di pensiero e di azione, senza voler fare i primi della classe e senza volerci intestare da soli problematiche comune a tutti, che abbiamo portato alla IV sezione della commissione dell’ARS un interrogazione sul problema delle bollette riguardante un conguaglio relativo agli anni 2018,2019,2020 con l’aiuto dell’On.le Pullara che ci ha voluti fortemente in questo fruttuoso dibattito, a noi si sono uniti l’associazione di consumatori Konsumer e l’associazione di consumatori Centro Consumatori Italia.

Noi di Cittadinanzattiva, siamo stati contenti nel registrare la loro presenza in commissione che ha sviluppato un dibattito articolato, composto e persuasivo nei confronti dell’ATI e di Girgenti Acque

Infatti il presidente dell’ATI ci ha soddisfatto, nel bloccare immediatamente queste bollette per rivederle e dal lato giuridico e del calcolo e valutare anche il contesto economico disastrato di questa provincia a causa del covid, cosi come abbiamo discusso in quella sede

Siamo stati molto contenti della decisone presa della dottoressa Valenti, che sicuramente ha segnato una decisione importante per gli utenti di Girgenti Acque.

Adesso dovremmo discutere con l’ATI, la cancellazione di queste inique bollette che non a torto hanno imbufalito i cittadini di Agrigento e della nostra provincia.

Ci rendiamo conto che questa nuova battaglia sarà più impegnativa, abbiamo cognizione che bisogno essere uniti ad altre associazione dei consumatori per affrontare un tale scontro con valutazioni e riflessioni persuasive che portino alla relativa soppressione di questi conguagli degli anni passati

Ecco perché oggi siamo molto contenti nell’apprendere che, non siamo soli in questa diatriba, ma che piano piano si sono uniti a noi prima l’associazione di consumatori Konsumer assieme a Centro Consumatori Italia ed ora anche la Federconsumatori che ha dato la sua disponibilità a questa dura scontro.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento