rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
La stangata

Mutui, i tassi salgono ancora: per chi aumentano le rate e di quanto

La Federazione autonoma bancari italiani traccia un quadro della situazione. Cosa succede per chi ha già un prestito e per chi deve chiederne uno

Comprare una casa o un'auto a rate o contrarre un prestito per una qualsiasi esigenza ci costerà sempre di più. Rate più pesanti per effetto dell'ennesimo rialzo del costo del denaro deciso giovedì dalla Bce, che ha deliberato un nuovo aumento di un quarto di punto percentuale, portando il tasso base al 3,75%. Saranno inevitabili ulteriori innalzamenti dei tassi d'interesse su tutti i tipi di finanziamento. A fare i conti è la Fabi (Federazione autonoma bancari italiani) nel dossier "Mutui e credito al consumo". 

"Le famiglie indebitate, in Italia, sono 6,8 milioni, pari a circa il 25% del totale: di queste, 3 milioni e mezzo hanno un mutuo per l’acquisto di una casa - spiegano dalla Fabi - Nel corso del 2022, i tassi di interesse sui prestiti sono notevolmente aumentati e nuovi incrementi sono inevitabili con il costo del denaro ulteriormente aumentato al 3,75 per cento. Comprare un’automobile a rate, per esempio un modello da 25.000 euro, potrebbe costare, nel caso di un finanziamento decennale a un tasso del 12,7%, oltre 8.200 euro in più rispetto al 2021". 

Per quanto riguarda i nuovi mutui, secondo l'analisi della Fabi "le rate di quelli a tasso fisso sono destinate a raddoppiare, mentre per quelli a tasso variabile il “rimborso” mensile dovrebbe salire del 50-60%. Più nel dettaglio, per un mutuo a tasso fisso da 200.000 euro di 25 anni (il tasso medio applicato dalle banche potrebbe essere nettamente superiore al 5%), la rata mensile sarà di 1.218 euro; per un prestito da 100.000 euro, sempre di 25 anni, col tasso al 5,1%, la rata mensile sarà, invece, di 597 euro. Quanto ai vecchi mutui, invece, nessuna differenza per quelli a tasso fisso, mentre le rate di quelli a tasso variabile hanno subito aumenti fino al 65%".

Quante famiglie hanno un mutuo

Il valore complessivo dei mutui per l’acquisto di abitazioni ammontava, a fine febbraio 2023, a 426 miliardi di euro, in crescita di 50 miliardi rispetto a fine 2017 (+13,5%). Sul totale di 25,7 milioni di famiglie italiane, quelle che hanno un mutuo sono circa 3,5 milioni, su un totale di 6,8 milioni di cittadini indebitati anche con altre forme di finanziamento, come il credito al consumo e i prestiti personali. Tra credito al consumo e prestiti personali, le banche hanno erogato 253 miliardi di euro di prestiti ai cittadini, in linea con i valori di fine 2017, ma in rallentamento rispetto alla tendenza degli ultimi mesi, segno dell’incidenza negativa dell’aumento dei tassi d’interesse.

Le rate dei mutui, cosa cambia

Le rate dei vecchi mutui a tasso fisso, cioè quelli erogati fino alla fine del 2021 / inizio 2022, non cambiano e resteranno intatte fino al termine del piano di rimborso. Le rate dei vecchi mutui a tasso variabile sono cresciute in media del 65%: vuol dire che chi pagava una rata di circa 500 euro al mese, oggi paga, al mese, 825 euro ovvero 325 euro in più; è molto probabile che, alla luce della decisione di oggi, le rate dei vecchi mutui a tasso variabile possano salire ancora.

I nuovi mutui a tasso fisso sono passati da un interesse medio di circa 1,8% anche oltre il 5% con le rate mensili che, pertanto, possono risultare, sulla base delle offerte delle banche, anche più che raddoppiate. I nuovi mutui a tasso variabile potrebbero arrivare, a breve, in media, verso il 6% dallo 0,6% di fine 2021: vuol dire che per un prestito da 150.000 euro della durata di 20 anni la rata mensile sarà di 1.090 euro, ben 325 euro in più (+63,9%) rispetto a quella che si sarebbe ottenuta un anno fa ovvero 665 euro.

Le simulazioni per un mutuo prima casa

• Mutuo 200.000 euro - tasso fisso 5,3% - durata 25 anni – rata mensile 1.218 euro;

• Mutuo 100.000 euro - tasso fisso 5,1% - durata 25 anni – rata mensile 597 euro.

Quanto costa comprare auto o elettrodomestici a rate

A fine 2021 il tasso d’interesse medio era dell’8,1%, alla luce della decisione di oggi, potrebbe arrivare al 12,8%.  Per acquistare un’automobile da 25.000 interamente a rate, con un finanziamento da 10 anni, il costo totale passa da 37.426 euro a 45.704 euro, con una differenza complessiva di 8.279 euro (+22,1%) rispetto ai tassi di fine 2021. Per acquistare una lavatrice da 750 euro interamente a rate, con un finanziamento da 5 anni, il costo totale passa da 942 euro a 1.061 euro, con una differenza complessiva di 119 euro (+25,3%) rispetto ai tassi di fine 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mutui, i tassi salgono ancora: per chi aumentano le rate e di quanto

AgrigentoNotizie è in caricamento