menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex stabilimento Italcementi

L'ex stabilimento Italcementi

Vertenza Italcementi, Consiglio comunale: "Avviare la bonifica integrale dell'area"

Approvato un documento con cui si chiede al governo regionale impegni per l'ex stabilimento e per il futuro dei lavoratori

Il Consiglio comunale di Porto Empedocle, riunito in seduta straordinaria, ha approvato un documento con cui chiede al governo regionale impegni per l'ex stabilimento Italcementi e per il futuro dei lavoratori. Al consiglio erano presenti, oltre ai consiglieri e all'amministrazione, rappresentati deputati regionale e  nazionali e rappresentanti dei sindacati. Erano assenti, invece, i vertici aziendali.

"È fondamentale conoscere - si legge nel documento - se esistono elementi tali da far ritenere possibile una loro riassunzione a Porto Empedocle o in eventuali altri stabilimenti". Inoltre, il Consiglio, nel caso in cui lo stabilimento non dovesse riprendere l'intero ciclo produttivo, rendendo definitiva l'interruzione dei rapporti lavorativi, "dovrà conoscere, a stretto giro, la destinazione cui l'azienda vorrà dare ai 700 ettari di territorio occupato".

"È importante, per quanto concerne l'area, - si legge ancora - avere contezza di eventuali  cessioni ad altri imprenditori o di possibili reimpieghi da parte della medesima impresa, attivando i necessari protocolli di legalità a  garanzia del territorio. In entrambe le ipotesi, interesse prioritario manifestato da tutti i  presenti è stato quello di voler richiedere all'azienda la bonifica integrale dell'area da essa occupata al fine di scongiurare qualsiasi immissione inquinante su Porto Empedocle e su tutta la zona limitrofa".

Infine, il Consiglio comunale, "si riserva di valutare la possibilità di istituire una commissione consiliare con l'ausilio di organismi pubblici e con il coinvolgimento dei sindacati, nel rispetto della normativa vigente, per  avviare una seria conoscenza dei luoghi al fine di evitare passività ambientali.  Altresì, il Consiglio resta in attesa delle determinazioni del Governo  regionale e della sua deputazione per avviare una seria vertenza sulle  cementerie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento