Nuove iniziative imprenditoriali attraverso le reti presenti sul territorio, pubblicati i primi bandi del Gal

Delineati alcuni progetti di cooperazione tra piccoli operatori, messi in campo fondi per oltre un milione di euro

Un angolo di Montevago

Favorire lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali, creare o rafforzare le reti fra le imprese presenti sul territorio. Sono questi gli obiettivi che il Gal Valle del Belice intende raggiungere con la pubblicazione dei primi due bandi del suo Piano di azione locale 2020, che rientra nel Programma Leader-Sicilia.

Si tratta dei bandi 6.4c-Servizi e 16.3-Cooperazione tra piccoli operatori: due opportunità per le imprese che ricadono nei territori dei 12 Comuni del Gal Valle del Belice a cavallo tra le province di Agrigento, Trapani e Palermo: Caltabellotta, Contessa Entellina, Gibellina, Menfi, Montevago, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice e Santa Ninfa.

Il bando 6.4c Servizi ha una dotazione di 558mila euro: finanzierà progetti di impresa fino a 93mila euro e con una percentuale massima del 75% dell’importo complessivo a fondo perduto. È dedicato alle imprese che offrono servizi turistici, alla ristorazione e alla trasformazione alimentare. “Potremo finanziare almeno otto progetti”, afferma Alessandro La Grassa, direttore del Gal. “Quanto prima – aggiunge - pubblicheremo anche un secondo bando e sarà interamente dedicato al finanziamento di ricettività turistica di piccola dimensione, come ad esempio i b&b, ma di qualità”.

Scade il prossimo 29 giugno, invece, il termine per partecipare al bando “6.4C ambito 2” del Gal Sicilia Centro Meridionale che permette di ottenere finanziamenti per: investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole. Sostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori del commercio, artigianale, turistico, dei servizi e dell’innovazione tecnologica”.

Lo rende noto il presidente del Gal Scm Giuseppe Guagliano di cui fanno parte 13 comuni della provincia di Agrigento: Canicattì, Camastra, Campobello di Licata, Comitini, Castrofilippo, Favara, Grotte, Licata, Lampedusa e Linosa, Licata, Palma di Montechiaro, Grotte, Racalmuto e Ravanusa. L’operazione ha come obiettivo quello di sostenere investimenti per le attività di B&B (Bed and Breakfast), servizi turistici, servizi ricreativi, di intrattenimento, servizi per l’integrazione sociale in genere, servizi di manutenzione ambientale, per la fruizione di aree naturali quali natura 2000, parchi o riserve. La dotazione finanziaria complessiva del bando ammonta a 700 mila euro.

“Come nel primo bando dove abbiamo avuto un boom di richieste che adesso attendono di essere valutate dalla commissione per vedere se sono finanziabili- ha detto il presidente Guagliano-  ci attendiamo una buona risposta da parte degli operatori economici che sono interessati a questa nuova proposta. Si tratta di una grande opportunità - ha aggiunto - per lo sviluppo locale dei 13 comuni che fanno parte del Gruppo di Azione Locale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento