menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della riunione svoltasi a Palermo

Un momento della riunione svoltasi a Palermo

Confael e Snalp Sicilia: "Si riattivi il fondo integrativo per i dipendenti Asi"

Per tutta la durata dei lavori della Finanziaria Cardella e Carrasi attueranno un presidio simbolico per tenere alta l'attenzione sul tema

Confael e Snalp Sicilia, presenti il segretario regionale Manlio Cardella ed il segretario confederale Sicilia Fabio Carrasi, insieme ad una delegazione di iscritti al sindacato, nella qualità di ex dipendenti degli ex Consorzi Asi di tutta la Sicilia oggi Irsap, hanno presentato alla terza commissione Attività produttive del Parlamento regionale siciliano, presieduta dall'onorevole Orazio Ragusa, una piattaforma rivendicativa sul diritto al  trattamento pensionistico integrativo del personale in quiescenza. Ciò al fine di provvedere, in occasione della prossima approvazione del bilancio regionale, al reperimento ed al versamento delle somme dovute per il pagamento delle pensioni integrative a circa ex 120 dipendenti, per un ammontare di 1.300.000 euro annue, presso il "Fondo speciale regionale ad esaurimento", istituito con legge regionale 11 agosto 2017 ex art.2. La Confael, lo Snalp, pur prendendo atto dell'impegno assunto dal presidente della III° commissione Ars Ragusa e dai componenti la commissione presenti, di sostenere in aula la votazione dell'emendamento in occasione dell'approvazione del bilancio regionale, si riservano di adottare iniziative di informazione e sensibilizzazione necessarie affinché venga ripristinato il diritto dei lavoratori. "Un diritto, si ricorda - dicono con una nota -  che è stato sancito anche dalla Corte costituzionale con sentenza n.45 del 10 febbraio - 3 marzo 2016. Attueremo da subito e per tutta la durata della sessione di bilancio della Regione siciliana - concludono Manlio Cardella e Fabio Carrasi - un presidio simbolico, a nome di tutti i dipendenti degli ex consorzi. Chiederemo altresì un incontro in ogni Prefettura della Sicilia per sollecitare l’attenzione delle istituzioni territoriali dello Stato affinchè venga applicato un diritto sancito dalla Corte costituzionale stessa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento