menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Guagliano

Giuseppe Guagliano

Fondi comunitari per lo sviluppo rurale, rinnovato il Cda del Gal

Per i Comuni sono stati eletti: Giusepppe Guagliano che è consigliere comunale di Racalmuto e Calogero Cremona, sindaco di Naro. Per la parte privata, invece, Alfonso Vassallo di Confartigianato, Francesco Piscopo di Confagricoltura e Domenico Randisi della Cna

Il Gal - organo consortile composto dai Comuni e dagli organismi privati che gestiscono i fondi comunitari per progetti finalizzati allo sviluppo rurale - ha rinnovato il proprio consiglio di amministrazione. E lo ha fatto dopo diversi mesi di serrate trattative e di assemblee. Lo Statuto prevede un Cda composto da cinque consiglieri, 2 in rappresentanza dei Comuni soci, ossia la parte pubblica, e 3 per la parte privata, rappresentata in gran parte dalle organizzazioni di categoria. Per i Comuni sono stati eletti: Giusepppe Guagliano che è consigliere comunale di Racalmuto e Calogero Cremona, sindaco di Naro.

Per la parte privata, invece, Alfonso Vassallo di Confartigianato, Francesco Piscopo di Confagricoltura e Domenico Randisi della Cna. Nella seduta, l'assemblea ha eletto tra gli stessi consiglieri il presidente del Cda che è Giuseppe Guagliano di Racalmuto, il vice presidente che è Vassallo e l'amministratore delegato che è Piscopo. Il Gal è una società consortile a responsabilità limitata ed è, appunto, composta al 40 per cento da una componente pubblica e al 60 per cento da una privata.

Il Gal è uno strumento di programmazione che ambisce a riunire tutti i potenziali attori dello sviluppo locale, pubblici e privati, ed opera attraverso un percorso decisionale, partecipato e condiviso. Lo scopo principale è quello di favorire lo sviluppo locale delle aree rurali, innescando significativi effetti di processi e di sistemi ed avvalendosi, per tale scopo, di uno strumento: il programma di sviluppo rurale. Il Gal agisce nei confini di un vasto territorio posizionato geograficamente nella Sicilia centro meridionale appartenente a13 Comuni: Camastra, Campobello di Licata, Canicattì, Castrofilippo, Comitini, Favara, Grotte, Lampedusa e Linosa, Licata, Naro, Palma di Montechiaro, Racalmuto, Ravanusa, con una popolazione di circa 200.000 abitanti.

Il Gal può contare su più 50 partner privati compresi tra associazioni di categoria, sindacati, imprese, cooperative, fondazioni, e altri. "L'obiettivo principale del nuovo Cda, nel corso del proprio mandato triennale, - ha spiegato il neo presidente Giuseppe Guagliano di Racalmuto - è quello di allargare e rafforzare il coinvolgimento delle componenti pubbliche e private, volendo diventare punto di riferimento concreto per quel mondo rurale che ha ancora tantissime energie e potenzialità da poter esprimere, nonostante la negativa congiuntura. Tutto questo all'interno di una cornice più ampia di impegno statutario della società consortile che ho l'onore e il privilegio di presiedere". Racalmuto, non soltanto per la prima volta, nella sua storia, è entrato nel Cda del Gal, ma ha anche ottenuto la presidenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento