Estate da record alla Valle dei Templi, 10mila visitatori in più: esulta Firetto

Se dalla Regione i dati elaborati erano sconfortanti, da palazzo dei Giganti hanno snocciolato nuovi numeri

“Calano presenze e turisti alla Valle”. Erano questi i dati rielaborati dalla Regione.  Numeri, però, che si scontrano con quelli snocciolati dal sindaco di Agrigento, Calogero Firetto. Da palazzo dei Giganti esultano per delle cifre da record. Più accessi alla Valle e Agrigento come meta ambita da chiunque.

"Da gennaio ad  agosto  si è registrato un incremento di 10 mila visitatori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno". Questo quanto fatto sapere dal sindaco, Firetto. 

Agrigento si conferma in crescita anche per il numero di pernottamenti in città, in controtendenza rispetto all'andamento regionale e nazionale. Il successo è determinato dall'appeal della destinazione e dell'alto gradimento complessivo sia dei luoghi d'interesse che delle strutture ricettive, che per Booking.com rappresentano "un primato nazionale con il 60% per cento di recensioni medie superiori a 9.5".

Calano presenze e turisti: meno 20 mila alla Valle dei Templi

Tutto ciò, malgrado le difficoltà determinate da trasporti e viabilità, a causa dei lavori ancora in corso sulle strade per Palermo e Catania e quindi per i maggiori scali aeroportuali. I dati della tassa di soggiorno rivelano che nel periodo gennaio-agosto si è registrato un aumento dello 0,80 per cento: timido incremento ma sempre in controtendenza, perché ha attutito gli effetti di un maggio certamente non favorevole per il clima, che ha scoraggiato in generale il turismo di prossimità.

"Il Comune - fanno sapere da palazzo dai Giganti -  ha incassato quest'anno un totale di 563.974 euro contro i 558.497 dello stesso periodo del 2018. La percentuale potrebbe essere riformata in aumento perché non tiene conto dei versamenti avvenuti dopo la scadenza del 15 settembre". Bilancio positivo anche per la nati-mortalità delle strutture ricettive. Nel periodo gennaio-agosto 2019 sono state aperte 123 strutture e ne sono state chiuse 52".

Agrigento è una meta scelta, come non era accaduto in precedenza, e ciò è anche frutto di un'intensa attività di promozione condivisa anche con Coopculture, concessionaria dei servizi aggiuntivi della Valle dei Templi e capofila dell'Ati concessionaria del Polo Culturale di Agrigento, che ha investito nel rilanciare la città e l'area archeologica attraverso i media nazionali e esteri, in particolare in occasione di speciali visite guidate e teatralizzate, e nel dare grande risalto all'eccezionale spettacolo delle Albe. "Le visite alla Valle dei Templi sono in continua crescita e confermano il trend positivo dello scorso anno.

 Il lavoro compiuto finora sta producendo i suoi frutti e credo che in futuro l'andamento continuerà ad essere in crescita. Competenza, qualità e ottimismo saranno validi alleati" commenta il direttore del Parco archeologico, Roberto Sciarratta. Dello stesso avviso il sindaco, Lillo Firetto: "Abbiamo accolto nel tempo più volte tour operator e giornalisti provenienti da ogni parte del mondo. Agrigento come destinazione è tra i desideri di viaggio sempre più frequenti. La speciale ospitalità che molti operatori del settore turistico e culturale e della ristorazione riserva ai visitatori consente di poter offrire quel valore aggiunto necessario per promuovere col passaparola la città, al ritorno a casa, quale esperienza imperdibile"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento