Da Terna investimenti in Sicilia per 614 milioni di euro in cinque anni

La Sicilia è la prima regione per investimenti sulla rete elettrica. Lo prevede il “Piano strategico 2019-2023”, presentato a Milano.

Ammontano a 614 milioni di euro gli investimenti che Terna sosterrà in Sicilia nei prossimi 5 anni, per lo sviluppo e l’ammodernamento della rete elettrica nella regione. È quanto emerge dal “Piano strategico 2019-2023” presentato a Milano.

Ammontano a 614 milioni di euro gli investimenti che Terna sosterrà in Sicilia nei prossimi 5 anni, per lo sviluppo e l’ammodernamento della rete elettrica nella regione. È quanto emerge dal Piano strategico 2019-2023” presentato a Milano

“La Sicilia si afferma come la regione con il maggior numero di investimenti per Terna. Il Piano Strategico per i prossimi 5 anni prevede investimenti per 614 milioni di euro per una rete elettrica sempre più sicura, resiliente e sostenibile in grado di rispondere ai cambiamenti che la transizione elettrica in atto richiede”, ha spiegato l’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris, che ha aggiunto: “Un impegno importante che porteremo avanti proseguendo nel percorso già intrapreso di dialogo e confronto costante con le comunità locali e il territorio".

Dell’investimento complessivo, 130 milioni saranno destinati a interventi di rinnovo degli asset esistenti. Il Piano prevede la demolizione di circa 70 Km di vecchi elettrodotti e la realizzazione di 104 km di linee in cavo interrato.

Importanti i vantaggi per l’indotto. Si stima l’impiego di circa 150 imprese, 650 tra operai e tecnici; e circa 75, fra professionisti e studi tecnici. Una ricaduta positiva non solo sotto il profilo occupazionale ma anche per le attività ricettive, di ristorazione e di servizi, presenti nei territori interessati dai cantieri.

Tra le principali opere in programma figurano: l’elettrodotto Paternò-Priolo; il riassetto di Ragusa, che migliorerà la sicurezza di alimentazione dei carichi nell’area; la nuova stazione elettrica di Vizzini, che consentirà di superare le congestioni sulla rete nell’area centro orientale interessata dal trasporto di produzione da fonte rinnovabile; l’elettrodotto “Chiaramonte Gulfi-Ciminna”, che collegherà la Sicilia Orientale alla Sicilia Occidentale; e, infine, interventi sulla rete nell’area di Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terna gestisce 5.500 km di linee elettriche in alta e altissima tensione e 78 stazioni elettriche in Sicilia e può contare su 190 persone impegnate sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento