Covid-19 e crisi del turismo, Abba: "Un contributo a fondo perduto per superare l'emergenza"

Il presidente Carmelo Cantone: "Gli scenari sono ancora incerti e preoccupanti sia dal punto di vista sanitario che socio-economico. La gente vive in un clima di paura e non si ha alcuna certezza che le offerte rivolte ai turisti possano sortire una risposta soddisfacenti"

Carmelo Cantone

Un ristoro mensile a fondo perduto per ogni struttura in regola adibita a bed and breakfast, case vacanze, affittacamere, residence in modo da compensare il pagamento di utenze, canoni e tasse locali. A lanciare la proposta durante una riunione tenutasi ieri in videoconferenza con tutta la filiera turistica nella città di Agrigento, è stato Carmelo Cantone, presidente dell’associazione B&b Agrigento.

”Gli scenari sono ancora incerti e preoccupanti sia dal punto di vista sanitario che socio-economico - dice Cantone -. La gente vive in un clima di paura e non si ha alcuna certezza che le offerte rivolte ai turisti possano sortire una risposta soddisfacenti: in parole povere, oggi non sappiamo se e quanti turisti verranno ad Agrigento. Pertanto invitiamo la politica tutta, a cercare di porre in atto interventi mirati direttamente alle aziende e non all’ipotetico turista. Chiediamo – continua Cantone - l’erogazione di un piccolo ristoro economico mensile a fondo perduto per ciascuna struttura in regola, utile a sostenere la sopravvivenza delle nostre attività e finalizzato principalmente a compensare, almeno in parte, il pagamento di utenze, canoni di locazione, tasse locali e altri costi di gestione che , altrimenti se non onorati, decreterebbero la fine delle stesse".

Il riferimento è all'ipotesi di strumenti finanziari per incentivare il turismo oggi avanzata a livello regionale e nazionale.

"Infine sarebbe auspicabile - continua Cantone - che, in via automatizzata,  sia prevista la sospensione e l'annullamento fino a marzo 2021 di tutte le scadenze dei tributi locali, ed in particolare che si applichi una riduzione delle tariffe imu e tari , considerando lo stop del sistema turistico che avrà conseguenze locali e globali molto durature. La decurtazione della tari per il periodo di chiusura delle attività , è necessaria per oggettiva impossibilità a produrre rifiuti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento