rotate-mobile
La protesta

Crisi energetica, Confcommercio pronta a scendere in piazza

Il presidente provinciale Giuseppe Caruana: "Le nostre imprese in condizioni drammatiche, aderiremo alla manifestazione regionale"

Confcommercio Agrigento adealla mobilitazione di protesta regionale del prossimo 7 novembre. "La crisi energetica, - commenta Giuseppe Caruana, presidente di Confcommercio Agrigento -  pone le nostre imprese in una situazione drammatica e l’aver promosso e organizzato una grande mobilitazione lo riteniamo indispensabile. prevediamo una partecipazione massiccia d’imprese, lavoratori e famiglie".

Caruana aggiunge: "Così come scritto nel documento condiviso dalle associazioni di categoria siciliane, la manifestazione è promossa per fare sentire la voce della Sicilia che produce. Per dire no al caro bollette che ha ridotto in ginocchio le imprese e, di conseguenza, anche i lavoratori. I vertici di Confcommercio Sicilia, Cna Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confindustria Sicilia, Cidec, Confesercenti Sicilia, Claai Sicilia, Uiltucs Sicilia, Cgil Sicilia, Filcams Sicilia e Casartigiani Sicilia si sono riuniti in videoconferenza per decidere la data di una manifestazione che intende lasciare il segno e che si prefigge di lanciare un chiaro segnale ai Governi regionale e nazionale: così non si può più andare avanti".

La giornata scelta è lunedì 7 novembre.

"Un lasso di tempo - aggiunge il presidente di Confcommercio - che sarà necessario per organizzare nel dettaglio l’iniziativa, coinvolgere quanti più associati e iscritti, redigere con cura la piattaforma rivendicativa e predisporre una strategia di sensibilizzazione nei confronti delle istituzioni. L’auspicio, tra l’altro, è che in quella data possano essere operativi entrambi gli esecutivi sia a Palermo che a Roma, così da presentare istanze specifiche rispetto a una continua escalation che non risparmia nessun tipo di attività e che ha reso l’inseguimento alla sostenibilità economica una sorta di miraggio. Molte imprese, infatti, hanno deciso di chiudere temporaneamente (qualcuna anche in via definitiva) in attesa di tempi migliori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi energetica, Confcommercio pronta a scendere in piazza

AgrigentoNotizie è in caricamento