Economia

Crisi del turismo, Libero consorzio: "Perso il 35% delle prenotazioni, ma niente panico"

L'ex Provincia evidenzia inoltre come sia "prioritario bloccare il rischi di contagio"

Psicosi Covid 19, il taglio delle prenotazioni fin qui riscontrate nelle strutture ricettive provinciali è del 35%, ma il Libero consorzio di Agrigento invita alla calma.

"L’avvio della stagione  - dice una nota del Libero consorzio - è compromessa solo parzialmente per la mancata realizzazione del festival internazionale del folclore. Tuttavia il danno maggiore è generato dalla scarsa conoscenza del fenomeno, anche da parte della scienza più avanzata, che genera paura ed azioni irragionevoli che possono solo peggiorare la situazione. E’ prioritario - continuano dall'ente di area vasta - per la Sicilia e la provincia di Agrigento scongiurare in tutti i modi che il virus diventi un’epidemia nella nostra isola. Tale infausto fenomeno, oltre agli imprevedibili danni sociali e sanitari, pregiudicherebbe non soltanto la stagione primaverile, ma anche quella estiva con danni forse irreparabili al nostro già debole settore turistico".

L'ente si dice "impegnato in vario modo" per limitare i danni, e invita alla moderazione "qualche imprenditore che, sottovalutando il fenomeno, chiede che comunque si svolgano tutte le attività promozionali necessarie per sostenere il settore come se nulla stia succedendo". Il Libero consorzio evidenzia infatti come sia "prioritario boccare il rischi di contagio, nella speranza che l’arrivo della stagione calda, ormai vicina, blocchi il diffondersi della malattia e consenta di recuperare la stagione estiva che è quella più redditizia per il settore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi del turismo, Libero consorzio: "Perso il 35% delle prenotazioni, ma niente panico"

AgrigentoNotizie è in caricamento