menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Ristoranti, eventi e agrolimentare in ginocchio: Cna presenta richieste ai sindaci

Lunedì in tutti i comuni si provvederà a consegnare una lista di provvedimenti per salvare il comparto

Settore della ristorazione, dell'agroalimentare e degli eventi in ginocchio, la Cna in campo per chiedere l'intervento delle amministrazioni.

La locale segreteria della sigla di categoria annuncia che a partire da lunedì consegnerà a sindaci e presidenti dei Consigli comunali delle richieste di intervento per scongiurare ulteriori chiusure e danni irreparabili pe ril comparto e non solo.

“Si tratta di una protesta simbolica, pacifica e responsabile – assicurano i vertici provinciali della Confederazione – ma certamente convinta, fortemente connotata da soluzioni ragionevoli che esprimono la ferma volontà di non essere abbandonati per potere ripartire. Approfittando del fatto che nelle prossime ore ci ritroveremo in zona gialla, invochiamo per le attività di ristorazione - aggiungono il presidente Francesco Di Natale e il segretario Claudio Spoto - il prolungamento dell’ingresso fino alle ore 21 con chiusura alle ore 22. Un altro tema sensibile è quello dell’esenzione dei tributi locali, con particolare riferimento alla Tari che è strettamente connessa all’operatività delle imprese. Lunedì saremo presenti in buona parte dei Comuni della provincia, a partire dalla città capoluogo, per un confronto schietto, serrato e propositivo con chi ha la responsabilità di amministrare i territori. Chiederemo ai primi cittadini e ai presidenti un impegno diretto per gli atti di pertinenza e un impegno in termini di pressing rispetto ai provvedimenti di competenza dei Palazzi palermitani e romani, come, ad esempio, gli aiuti a fondo perduto e ulteriori moratorie. L’impatto fortissimo delle limitazioni sul comparto della ristorazione e dei pubblici esercizi ha indebolito sensibilmente l’intera filiera che comprende una parte significativa dell’agricoltura e della trasformazione dei prodotti agricoli. Per non parlare che a valle della filiera vi sono numerosi settori inevitabilmente connessi e caratterizzati dagli eventi. E’ nota la difficilissima condizione delle aziende di catering, di banqueting, così come le agenzie di organizzazione eventi, fotografi, service, tinto lavanderie, fioristi e commercianti (es. abiti da cerimonia, bomboniere e simili) che dipendono proprio dagli eventi e dalle cerimonie. Per dare supporto, vicinanza e solidarietà agli operatori economici colpiti più di altri dagli effetti della pandemia – concludono il presidente Di Natale e il segretario Spoto – CNA ha deciso di attivare questa  iniziativa  con l’obiettivo di condividere un percorso di ripartenza e di sostegno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento