Emergenza Covid, parte la corsa al bonus da 1000 euro: ecco chi ne ha diritto

Dai professionisti ai lavoratori stagionali: le indicazioni su chi potrà incassare il contributo per il mese di maggio

(foto ANSA)

In arrivo il bonus da 1000 euro concesso a notai, architetti, dentisti e avvocati che si sono trovati in difficoltà a causa dell’emergenza Covid. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto agosto è scattata la procedura di erogazione in automatico dell'indennità di maggio per chi l’aveva già chiesta (e incassata) a marzo e aprile. Come ricorda Il Sole 24 Ore, a quei professionisti che hanno cessato l’attività tra i mesi di aprile e maggio è stata data la possibilità di presentare istanza fino al 16 settembre e dunque accedere al contributo.

A chi spetta il bonus

Il bonus da 1000 euro spetta ai professionisti iscritti agli enti di previdenza obbligatoria di diritto privato che non siano titolari di pensione o di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. In questo caso, a differenza di quanto avvenuto per il bonus partite Iva, il governo ha stabilito dei limiti di reddito basati sull’anno di imposta del 2018. Nel dettaglio, chi ha dichiarato un reddito non superiore ai 35mila euro può chiedere il bonus senza dover dimostrare un calo di fatturato; chi ha dichiarato un reddito compreso tra 35-50mila deve invece dimostrare di aver subito a causa del Covid una flessione del 33% nel primo trimestre di quest’ anno rispetto allo stesso periodo del 2019 o in alternativa la cessazione o sospensione dell’attività. Il bonus non è invece previsto per i redditi superiori a 50mila euro.

Il bonus da 1000 euro per i lavoratori stagionali del turismo

Il decreto agosto, oltre ad aver elevato l’importo del bonus da 600 a 1000 euro, ha disposto anche una nuova indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza Covid. Il bonus, che vale per il mese di maggio ed ha un importo di 1000 euro, è stato dunque riconosciuto "ai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore della presente disposizione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Ancora tamponi Covid positivi: 1 ad Agrigento e 3 a Sciacca, contagiato un altro medico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento