Buste paga, a luglio oltre al bonus c'è anche il rimborso Irpef (ma non per tutti)

L’emergenza Covid ha scompigliato le carte anche per quanto riguarda le tempistiche dei conguagli relativi alla dichiarazione dei redditi

Quando arriva il rimborso Irpef 2020? L’emergenza Covid ha scompigliato le carte anche per quanto riguarda le tempistiche dei conguagli relativi alla dichiarazione dei redditi. L’Agenzia delle Entrate spiega che il rimborso dell’imposta si ottiene direttamente nella busta paga o nella rata di pensione, a partire dal mese di luglio (per i pensionati a partire dal mese di agosto o di settembre). Quest’anno tuttavia tutto dipenderà dalla data di presentazione del 730. A causa dell’emergenza sanitaria, la scadenza per inviare il modello è infatti slittata dal 23 luglio al 30 settembre 2020.

Quando arriva il rimborso Irpef 2020

Slittano di conseguenza anche le date dei rimborsi che saranno erogati nel mese successivo a quello in cui è stato presentato il modello. Se la dichiarazione dei redditi è stata presentata entro maggio il rimborso arriverà nel mese di luglio (agosto per i pensionati), mentre chi trasmetterà i dati a ridosso della scadenza (e dunque entro settembre) riceverà il conguaglio non prima di ottobre/novembre.

Ovviamente ciò che vale per i rimborsi vale anche per le eventuali trattenute che saranno effettuate a partire dal mese successivo a quello in cui viene inviato il modello.

Dichiarazione dei redditi 2020, le scadenze

Il 30 settembre dunque scade il termine ultimo per:

  • presentare il 730 precompilato all’Agenzia delle entrate direttamente tramite l’applicazione web
  • comunicare al sostituto d’imposta di non voler effettuare il secondo o unico acconto dell'Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore

Di seguito le date per la presentazione da parte dei CAF:

  • entro il 15 giugno per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31 maggio,
  • entro il 29 giugno per quelle presentate dal 1° al 20 giugno,
  • entro il 23 luglio per quelle presentate dal 21 giugno al 15 luglio,
  • entro il 15 settembre per quelle presentate dal 16 luglio al 31 agosto,
  • entro il 30 settembre per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 30 settembre.

Per quanto riguarda il modello redditi precompilato, che può essere presentato dal 19 maggio, l’ultima data utile è il 30 novembre.

Il bonus in busta paga

Oltre al rimborso Irpef, che come abbiamo spiegato arriverà in diverse finestre temporali, a luglio debutterà anche la misura approvata lo scorso gennaio con il decreto sul taglio del cuneo fiscale che prevede più soldi (e meno tasse) ai lavoratori dipendenti. Per l’intervento sono stati stanziati 3 miliardi di euro per il 2020. La platea dei beneficiari del bonus Irpef passerà da 11,7 a 16 milioni di lavoratori.

Il beneficio fiscale avrà criteri diversi a seconda delle fasce di reddito: chi guadagna più di 28mila euro lo riceverà sotto forma di detrazione fiscale, mentre per chi ha un reddito inferiore sotto forma di bonus. Anche gli importi varieranno nettamente a seconda delle fasce di reddito (tabella in basso).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: boom di contagiati (+110) e 9 vittime in 48 ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento