rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Lanciato un appello / Bivona

Crisi idrica e pesche di Bivona rase al suolo: agricoltori, sindaci e cittadini pronti alla protesta

Per il sindaco Milko Cinà, bisogna evitare un danno già calcolato in almeno 3 milioni di euro

La lettera aperta ai cittadini di Bivona continua, da ieri, a rimbalzare sui social e su whatsapp. Domani, a partire dalle 10, sarà protesta. E il concentramento sarà alla diga Castello. I sindaci e i produttori agricoli dell'area dei monti Sicani - ossia Bivona, Alessandria della Rocca, Santo Stefano Quisquina e San Biagio Platani, ma anche Palazzo Adriano nel Palermitano - scenderanno in campo e chiederanno l'assegnazione per usi irrigui delle acque della diga Castello. Ma c'è bisogno - secondo quanto appunto viene riportato nella lettera aperta dell'associazione agricoltori del bivonese e dell'amministrazione comunale - del sostegno e della partecipazione attiva anche dei cittadini. 

Crisi idrica e coltivazione delle pesche a rischio, il sindaco Bivona pronto a consegnare fascia tricolore

DOSSIER. Abbandonato e vandalizzato, vi portiamo dentro al dissalatore "fantasma" di Porto Empedocle

"Oggi ci troviamo a fronteggiare una crisi che minaccia non solo il nostro presente, ma anche il futuro delle generazioni a venire. Bivona, da sempre cuore pulsante dell'agricoltura e della tradizione, è ora in grave difficoltà - scrivono - . L'acqua, risorsa vitale per le nostre campagne, scarseggia in modo preoccupante. Questa carenza mette a rischio non solo i raccolti, ma anche l'intero tessuto economico e sociale di Bivona. Senza possibilità di irrigare la nostra pescabivona Igp si compromette il lavoro di intere generazioni e la sopravvivenza delle famiglie che dipendono dall'agricoltura". 

Crisi idrica, agricoltori di Bivona rinunciano al raccolto e forzano la caduta dell'80% di pesche

Per il sindaco di Bivona, Milko Cinà, bisogna evitare un danno già calcolato in almeno 3 milioni di euro, specie dopo l'abbattimento dell’80% dei frutti dagli alberi.

"Per avere un impatto reale della manifestazione di protesta abbiamo bisogno del vostro sostegno e della vostra partecipazione attiva - viene lanciato, con la lettera aperta, un appello per la partecipazione alla protesta di domattina - . Chiediamo la presenza e il sostegno delle scuole, di ogni ordine e grado. Chiediamo a tutte le attività commerciali di Bivona di abbassare le saracinesche dalle ore 10 alle 12. Non è solo la battaglia degli agricoltori - viene spiegato -, ma di tutta la comunità di Bivona. Insieme possiamo fare la differenza, possiamo far sentire la nostra voce e chiedere interventi immediati e concreti per garantire l'approvvigionamento idrico necessario alle nostre campagne".

DOSSIER. Rubinetti a secco e acqua persa per strada: da 15 anni la nuova rete idrica di Agrigento ostaggio della burocrazia

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi idrica e pesche di Bivona rase al suolo: agricoltori, sindaci e cittadini pronti alla protesta

AgrigentoNotizie è in caricamento