rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
L'emergenza / Bivona

Crisi idrica, agricoltori di Bivona rinunciano al raccolto e forzano la caduta dell'80% di pesche

Uno dei produttori: "Stiamo facendo ricorso a questo diradamento indotto delle nostre piante. Ed è un vero peccato. Ma è un'operazione necessaria, che speriamo servirà ad alleggerire gli alberi, confidando che sopravvivano e che possano mantenere la produttività nel momento in cui la siccità sarà cessata"

Costretti a forzare la caduta di gran parte delle pesche, in fase di maturazione, pur di non perdere gli alberi. "Non abbiamo altra scelta per provare quanto meno a salvare le piante", dice Pasquale Mortillaro, uno dei circa cento produttori di pesca di Bivona, eccellenza agroalimentare che caratterizza il 70% delle coltivazioni agricole dei monti Sicani. Una coltivazione che, nel corso degli anni, si è potuta affermare sui mercati grazie anche alla possibilità di ricorrere alla diga Castello per le necessarie irrigazioni dei pescheti.

DOSSIER. Rubinetti a secco e acqua persa per strada: da 15 anni la nuova rete idrica di Agrigento ostaggio della burocrazia

Ma la crisi idrica, e l'attuale utilizzo destinato esclusivamente agli usi civici dell'acqua contenuta in quell'invaso, stanno mettendo a repentaglio questa produzione di alta qualità, che garantisce il reddito a numerose famiglie del territorio. "Ecco perché - aggiunge Mortillaro - stiamo facendo ricorso a questo diradamento indotto delle nostre piante. Ed è un vero peccato. Ma è un'operazione necessaria, che speriamo servirà ad alleggerire gli alberi di pesco, confidando che sopravvivano e che possano mantenere la produttività nel momento in cui questa emergenza idrica sarà cessata". La conseguenza di questa operazione sarà un raccolto di pesche che quest'anno sarà ridotto di almeno l'80% rispetto agli anni scorsi, e il prodotto sul mercato sarà anche inevitabilmente costosissimo. Questione questa che, recentemente, ha visto il sindaco di Bivona Milko Cinà annunciare la possibile consegna, in segno di protesta, della fascia tricolore al prefetto di Agrigento e al presidente della Regione.

Crisi idrica e coltivazione delle pesche a rischio, il sindaco Bivona pronto a consegnare fascia tricolore

DOSSIER. Abbandonato e vandalizzato, vi portiamo dentro al dissalatore "fantasma" di Porto Empedocle

"Ogni pianta di pesco - spiega ancora Mortillaro -, in condizioni di normalità è in grado di produrre almeno 40 chili di frutti. Questa estate, invece, dopo il trattamento di cascola forzata, la produzione non potrà essere maggiore ai 5 chilogrammi per albero". L'irrigazione di soccorso dalla diga Castello, già autorizzata dall'autorità di bacino, viene considerata insufficiente alla risoluzione del problema per la stagione in corso. "Per salvare poderi, piante e aziende agricole - conclude il produttore agricolo - di irrigazioni di soccorso questa estate ne servirebbero almeno tre".

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi idrica, agricoltori di Bivona rinunciano al raccolto e forzano la caduta dell'80% di pesche

AgrigentoNotizie è in caricamento