rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Economia

Attività produttive, ecco “La Sicilia che piace”: bando da 400 mila euro

Si tratta di fondi per sostenere iniziative, campagne promozionali ed eventi a sostegno del sistema produttivo regionale. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 15 maggio per partecipare al bando “La Sicilia che piace” che consente agli enti locali di accedere al contributo in conto capitale per sostenere iniziative, campagne promozionali ed eventi a sostegno del sistema produttivo regionale. Al bando, promosso dall'assessorato regionale alle Attività produttive e finanziato per un un totale di 400 mila euro, possono partecipare enti locali, anche in forma associata, ricadenti nel territorio della regione. Si tratta dell'ultimo avviso per la promozione dei sistemi produttivi siciliani, dopo quello rivolto alle imprese (800 mila euro) e alle associazioni di categoria nonché ex Onlus (700 mila).

Il contributo regionale in conto capitale coprirà fino ad un massimo dell’80% del costo dell’intera iniziativa per un massimo di 10 mila euro a progetto, al netto di iva. L’amministrazione regionale si riserva di scorrere la graduatoria definitiva qualora la disponibilità delle risorse finanziarie dovesse essere incrementata. Le istanze all'avviso, corredate della modulistica richiesta, vanno inviate al dipartimento regionale delle Attività produttive all’indirizzo dipartimento.attivita.produttive@certmail.regione.sicilia.it all’attenzione del Servizio 9, entro le ore 12 del 15 maggio 2023.

In coerenza con il Print e con la Strategia regionale dell’innovazione per la specializzazione intelligente 2014-2020 della Regione Siciliana, le iniziative e i progetti presentati devono essere volti a valorizzare i prodotti dei settori agroalimentare, artigianato, nautica ed economia del mare, lapideo e sistema casa (con particolare riferimento a domotica e materiali green), moda e oreficeria (con particolare riferimento a materiali ecosostenibili), tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict) e meccatronica.

Sono escluse dalla concessione del contributo le iniziative inerenti la produzione primaria dell’agricoltura, della pesca, dell’acquacoltura e del settore turistico. Non ammesse anche le iniziative che riguardano i prodotti del settore agroalimentare, anche se trasformati, i cui marchi sono sottoposti a tutela da parte di un consorzio riconosciuto (prodotti Doc, Docg, Igt, Igp, Dop e Stg), in quanto oggetto di specifici interventi di sostegno, valorizzazione e internazionalizzazione da parte del competente assessorato dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attività produttive, ecco “La Sicilia che piace”: bando da 400 mila euro

AgrigentoNotizie è in caricamento