Siciliani sommersi dai debiti, Agrigento è terz'ultima in classifica

L'indebitamento medio per famiglia (in questo caso la provincia è penultima) è di 11.448 euro e di 4.522 euro pro capite

(foto ARCHIVIO)

E' terz'ultima. E almeno questa volta è un bene. Agrigento ha debiti per 1.982.000.000 euro, con un indebitamento medio per famiglia (in questo caso la provincia è penultima) di 11.448 euro e di 4.522 euro pro capite. Indebitamente pro capite che è aumentato leggermente - dello 0,25 per cento - rispetto al 2017. Il report è stato fatto sulla base dell'ultima elaborazione di Federconsumatori Sicilia sui dati della Banca d'Italia, segmentati per provincia e per tipologia di indebitamento.

Anche a metà 2019 la orovincia con più debiti è Palermo (9.454.000.000 di euro in totale), con un indebitamento pro capite pari a 7.502 euro. Stessa cifra pro capite per Catania, che ha un debito provinciale complessivo di 8.326.000.000. Ancor più indebitato è il siracusano medio, con 7.713 euro pro capite che si trasformano in 3.092.000.000 di euro a livello provinciale. I meno indebitati in Sicilia sono gli ennesi, con un pro capite di 4.367 euro e un complessivo di 726.000.000, mentre l'unica provincia dove l'indebitamento pro capite e complessivo scendono, ma di pochissimo, è Caltanissetta: 5.176 euro, 12.924 euro in media per famiglia e 1.379.000.000 rispettivamente, con un calo di appena 4 euro pro capite. 

A livello regionale il 51% dei debiti viene contratto per stipulare un mutuo casa, mentre il credito al consumo cresce ancora fino a quasi il 37%, e gli altri prestiti pesano per il restante 12%.

Nell'Agrigentino, il 41,68 per cento è indebitato per un mutuo; il 43,13 per cento per crediti al consumo e il restante 15,19 per cento per altri prestiti.   

"Quando abbiamo messo insieme i dati - spiega il presidente di Federconsumatori Sicilia Alfio La Rosa - non abbiamo affatto tirato un sospiro di sollievo. Anzi, la situazione debitoria dei siciliani peggiora di anno in anno e questo trend, che non accenna ad arrestarsi, inizia ad essere molto preoccupante. Ci allarma soprattutto la crescita del credito al consumo: i siciliani non hanno più soldi per le spese ordinarie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci sono anche altri dati poco confortanti: il tasso di deterioramento dei prestiti concessi alle famiglie siciliane, pur scendendo dall'1,8% all'1.6%, resta il più elevato tra le regioni italiane. Il tasso di deterioramento del credito misura, in estrema sintesi, la quantità dei crediti che i debitori non riescono a ripagare regolarmente o completamente. Ciò vuol dire che in Sicilia è ancora più difficile che nel resto del Paese onorare i propri debiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento