Hotel, ristoranti e bar chiusi a causa del Covid-19, è allarme povertà per i precari: famiglie già in ginocchio

Il direttore della Caritas Valerio Landri: "Registriamo una crescente richiesta di aiuto, soprattutto per quanto riguarda i generi alimentari. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per fronteggiare questa emergenza"

(foto ARCHIVIO)

Non hanno neanche da mangiare. Sono sempre di più le famiglie che, a causa dell'emergenza Coronavirus, sono di fatto in gravi difficoltà. Molte quelle completamente senza un reddito. E alle associazioni di volontariato aumentano le richieste di aiuto per capi di abbigliamento, prodotti per l’igiene ma soprattutto per gli alimenti.

Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio a Licata: altri 3 positivi nel giro di poche ore

Ad Agrigento sono molti i lavoratori stagionali del settore turistico e alberghiero, rimasti appunti senza reddito. La chiusura degli hotel, bar e ristoranti oltre a causare un danno per i titolari, ha messo in ginocchio l’economia di centinaia di famiglie che, adesso, sono impossibilitate anche a fare la spesa. L’allarme povertà interessa anche ad altre categorie di lavoratori precari e il disagio sociale si intensifica di giorno in giorno. Secondo la Caritas diocesana di Agrigento, il blocco delle attività commerciali ha frenato anche la rete solidale delle parrocchie che ricevono sempre meno beni da distribuire ai bisognosi. E anche la chiusura degli edifici di culto starebbe provocando  la momentanea interruzione dei rapporti diretti tra le comunità e i parroci nella gestione delle richieste di aiuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, la solidarietà non si ferma: ecco come le associazioni continuano ad aiutare

“Nei centri di ascolto - dice ad AgrigentoNotizie il direttore della Caritas diocesana di Agrigento, Valerio Landri – registriamo una crescente richiesta di aiuto, soprattutto per quanto riguarda i generi alimentari. In questo periodo – aggiunge – molte più persone ci stanno chiedono roba da mangiare, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per fronteggiare questa emergenza che – conclude Landri -  spero finisca presto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento