rotate-mobile
Siccità / Ribera

Crisi idrica, l'autorità di bacino: "Sì all'irrigazione di soccorso dalla diga Castello"

Il sindaco di Ribera: "Un quantitativo di acqua, sebbene minimo, permetterà almeno di salvare piante e impianti, mentre la produzione purtroppo è ormai compromessa. Bisogna fare di tutto per salvare i sacrifici di migliaia di agricoltori"

Via libera all'utilizzo di acqua della diga Castello, a cui afferiscono i produttori agricoli di un vasto comprensorio dell'entroterra Agrigentino, per un'irrigazione di soccorso destinata alle campagne. Questo il risultato ottenuto dai sindaci di Bivona, Burgio, Lucca Sicula, Palazzo Adriano, Ribera e Villafranca Sicula, nell'ultimo incontro avuto con i vertici di Autorità di bacino idrografico
di Sicilia, Consorzio di bonifica Agrigento 3, Protezione civile, dipartimento Acqua e rifiuti, Enel e commissario per l'emergenza idrica in agricoltura e zootecnia.

Abbandonato e vandalizzato, vi portiamo dentro al dissalatore "fantasma" di Porto Empedocle

Crisi idrica drammatica, il Consorzio di bonifica: "Non ci sarà acqua per tutte le colture"

Dopo le proteste dei giorni scorsi avanzate dagli amministratori comunali contro il provvedimento che impedisce usi diversi da quelli civici per l'acqua contenuta negli invasi, è stata decisa la riattivazione della bretella di collegamento tra le dighe Gammauta (situata in territorio di Palazzo Adriano) e Castello (che ricade nel comune di Bivona). Questo travaso permetterà di accumulare un quantitativo di risorsa idrica necessaria che potrà comunque garantire una o al massimo due irrigazioni di emergenza. "In condizioni normali - dice il sindaco di Ribera Matteo Ruvolo - i nostri agricoltori riescono a ottenere tra quattro e cinque irrigazioni. Al momento, a causa della siccità, questo scenario è inimmaginabile. Tuttavia, un quantitativo di acqua, sebbene minimo, permetterà almeno di salvare piante e impianti, mentre la produzione purtroppo è ormai compromessa. Bisogna fare di tutto per salvare i sacrifici di migliaia di agricoltori".

L'acqua della diga Gammauta è al momento l'unica fonte di approvvigionamento possibile. Il travaso verso la diga Castello permetterà di rilasciare tra 80 e 100 litri di acqua al secondo. "Senza nuove piogge, comunque, la situazione rischia di aggravarsi ulteriormente, i nostri produttori agricoli sono esasperati, purtroppo abbiamo anche timori per possibili disordini", conclude Ruvolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi idrica, l'autorità di bacino: "Sì all'irrigazione di soccorso dalla diga Castello"

AgrigentoNotizie è in caricamento