rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Dossier L'intervista

Nessuna iniziativa per ricordare le vittime innocenti, Di Leo: "Senza memoria non vi è cura dalla malattia mafiosa, non si generano gli anticorpi necessari"

Nella giornata nazionale dell'impegno a non dimenticare, il procuratore richiama gli istituti scolastici e le istituzioni: "Senza la consapevolezza di quanto accaduto, non si insegna a riconoscere il problema, a vedere il pericolo"

Sessantaquattro anni fa l'omicidio, al viale Della Vittoria di Agrigento, di Ninni Diamanti: lo studente liceale che venne ucciso per errore dall'assassino del commissario capo Cataldo Tandoy, ex dirigente della squadra mobile di Agrigento e responsabile dello schedario criminale a Roma dove si stava per trasferire definitivamente con la moglie. Più di recente, il 23 luglio del 1991...

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

AgrigentoNotizie è in caricamento