rotate-mobile
Dossier Antiche tradizioni

"Qua meloni non se ne piantano, la paglia è sempre stata dei pastori": così la mafia controlla le terre del Belice

I retroscena dell'inchiesta che ha portato a 5 arresti. Dalle intercettazioni emerge come sia presente l'arcaico cliché dell'egemonia sui fondi agricoli. "Se il proprietario cambiava la destinazione d'uso, senza chiedere, sicuramente avrebbe subito qualche ritorsione". Le figure di Pasquale Ciaccio e del fedelissimo di Matteo Messina Denaro Pietro Campo

Terre, meloni, "sulla", mietitura, pascolo delle greggi. Queste le parole ricorrenti nelle intercettazioni che hanno permesso di ricostruire - allo Sco, alla Sisco di Palermo e alle squadre mobili di Agrigento e Palermo - la presunta esistenza di una mafia arcaica, ancorata agli appezzamenti (ettari ed ettari, sia chiaro) di campagna e al pascolo. Una egemonia sui fondi agricoli che...

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

AgrigentoNotizie è in caricamento