La bionda che fa bene: la birra

La birra fa bene al cuore e cervello; uno studio ha dimostrato che se bevuta nelle giuste quantità aiuta il nostro organismo

Ottime notizie per chi la sera ama brindare con un buon boccale di birra. Che sia bionda, rossa, doppio malto, cruda, artigianale o aromatizzata, questa popolare bevanda alcolica contiene diversi ingredienti nutrizionali che sembrano ridurre il rischio cardiaco e che pare migliorino la salute del cervello.

Queste, in sintesi, le conclusioni di uno studio condotto da un gruppo di scienziati di Hong Kong e pubblicato sul The American Journal of the Medical Sciences. Come spiegano i ricercatori, la birra ha più proteine e vitamina B del vino, ed è anche ricca di antiossidanti. Sembra dunque in grado di ridurre l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Inoltre, la birra contiene tracce di minerali come calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zinco, rame, manganese e selenio, fluoruro e silicio.

La birra comprende anche una serie di polifenoli come flavonoidi e acidi fenolici, che hanno proprietà che migliorano la salute e riducono le probabilità di sviluppare diabete, occlusione delle arterie e malattie cardiache, che proteggono la funzione cognitiva.

Tuttavia i benefici si apprezzano solo quando la birra viene consumata con moderazione. Idealmente, secondo gli studiosi, il limite è di una pinta per gli uomini e una mezza pinta per le donne al giorno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento