Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Porto Empedocle

Caso Vos Triton, la Procura: "Niente minacce a bordo da parte dei migranti"

Fonti dell'ufficio inquirente sottolineano che "è stato manifestato solo di un evidente disappunto alla comunicazione del ritorno in Libia". Continuano gli accertamenti

"Dai primi accertamenti compiuti dalla squadra mobile di Agrigento non emergono insurrezioni a bordo della Vos Triton, né violenze o minacce dei naufraghi nei confronti dell'equipaggio della nave per indurli a trasportarli in Italia". Lo sottolineano fonti della Procura della Repubblica in merito all'approdo a Porto Empedocle del mercantile battente bandiera di Gibilterra con 77 migranti e un cadavere a bordo.

"Emergerebbe soltanto - sottolineano fonti della Procura - un evidente disappunto dei naufraghi quando avevano appreso la notizia del loro ritorno in Libia". L'ufficio diretto dal procuratore Luigi Patronaggio e dal suo vice Salvatore Vella sta ricostruendo i fatti che hanno portato allo sbarco sulle coste agrigentine, in seguito all'assegnazione del "porto sicuro" da parte delle autorità italiane.

I poliziotti, sempre su delega dei pm, stanno ricostruendo i fatti attraverso anche i documenti "ottenendo piena collaborazione - fa sapere ancora la Procura - da parte dell'equipaggio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Vos Triton, la Procura: "Niente minacce a bordo da parte dei migranti"

AgrigentoNotizie è in caricamento