rotate-mobile
Cronaca Aragona

Accusato di aver fatto visite odontoiatriche “in nero”, dentista assolto in appello

Ribaltata la sentenza di primo grado nei confronti di Giovanni Moncada, 67 anni di Aragona, per peculato. Secondo la Procura si sarebbe indebitamente appropriato di 1600 euro non versati all’Asp

Assolto perché il fatto non sussiste: con questa sentenza la Corte d’appello di Palermo ha ribaltato il verdetto di primo grado del tribunale di Agrigento che condannava il dentista aragonese di 67 anni Giovanni Moncada a 2 anni di reclusione per peculato. 

Già in primo grado il pm Alessandra Russo aveva chiesto l’assoluzione ma alla fine il dentista venne condannato dal gup Alessandra Vella.

Adesso quel verdetto nei confronti del 67enne, difeso dagli avvocati Floriana Salamone e Andrea Fares, è stato ribaltato in Corte d’appello. 

In particolare Moncada era accusato di avere fatto delle visite odontoiatriche senza versare parte dei compensi all’Asp in regime di “intramoenia allargata”. 

Secondo la Procura l’importo di cui si sarebbe appropriato il dentista ammontava a 1.600 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusato di aver fatto visite odontoiatriche “in nero”, dentista assolto in appello

AgrigentoNotizie è in caricamento