rotate-mobile
Cronaca Villaseta

"Palpeggia la figlia di 4 anni nelle parti intime", rinviato a giudizio 45enne

La denuncia fu presentata dall'ex moglie dell'imputato dopo la separazione, l'uomo ha il divieto di avvicinamento alla bambina

A processo con l'accusa di violenza sessuale ai danni della figlia di 4 anni. Prima le accuse dell’ex moglie e della suocera, poi l’incidente probatorio e la misura cautelare del gip che gli imponeva di non avvicinarsi alla bimba di cui avrebbe abusato. Adesso il rinvio a giudizio deciso dal giudice Alessandra Vella al termine dell'udienza preliminare.

Protagonista della vicenda giudiziaria un quarantacinquenne di Villaseta al quale, nel gennaio dell'anno scorso, è stato notificato il provvedimento del gip Stefano Zammuto che gli intimava di restare distante dalla bambina che - secondo l'accusa - avrebbe toccato nelle parti intime. L'imputato, difeso dagli avvocati Santo Lucia e Miriam Lo Greco, è tuttora sottoposto alla stessa misura cautelare. La vicenda, dall’enorme delicatezza, ha avuto una svolta un anno e mezzo fa, a distanza di alcune settimane dall’incidente probatorio nel quale la bambina ha, in sostanza, confermato le accuse. 

L'accusa, per la quale sarà processato, a partire dal 4 novembre, davanti ai giudici della seconda sezione penale, presieduta da Wilma Angela Mazzara, è di violenza sessuale aggravata ai danni di minore. In particolare, secondo l’ipotesi accusatoria al vaglio dei magistrati, avrebbe toccato nelle parti intime la figlia di appena quattro anni. L’indagine è partita dalle denunce della madre della bambina, ex moglie dell’indagato. La vicenda si sarebbe consumata a Villaseta, frazione dove abita l'uomo. Il quarantacinquenne e la moglie da tempo erano separati e la piccola veniva accudita a giorni alterni da entrambi i genitori. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Palpeggia la figlia di 4 anni nelle parti intime", rinviato a giudizio 45enne

AgrigentoNotizie è in caricamento