Martedì, 23 Luglio 2024
Carabinieri / Licata

"Viola reiteratamente il divieto di avvicinamento alla casa familiare", 33enne ai domiciliari

Il provvedimento di aggravamento della misura cautelare ha previsto il braccialetto elettronico

Reiterate violazioni dell’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. E’ per questo motivo che i carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Licata hanno – in esecuzione di un provvedimento di aggravamento della misura cautelare, disposto dalla seconda sezione penale del tribunale di Agrigento, - arrestato G. V., celibe, trentatreenne di Licata. L’uomo, sempre in esecuzione della nuova ordinanza dell’autorità giudiziaria, è stato posto ai domiciliari con il braccialetto elettronico.

Il trentatreenne, stando a quanto era stato disposto dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento il 2 novembre del 2020, avrebbe dovuto stare a distanza dai familiari, ritenute persone offese, e meno che mai avrebbe potuto far ritorno nella casa familiare. Cosa che invece, stando all’accusa, il giovane non avrebbe fatto. E i carabinieri hanno accertato, e contestato, più episodi di violazione dell’ordinanza del 2020 del giudice per le indagini preliminari. Ecco perché è dunque arrivato un provvedimento di aggravamento della precedente misura cautelare ed è stato, adesso, posto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Viola reiteratamente il divieto di avvicinamento alla casa familiare", 33enne ai domiciliari
AgrigentoNotizie è in caricamento