rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Il provvedimento / Canicattì

"Reiterate violazioni alla detenzione domiciliare", bracciante agricolo portato in carcere

Ad eseguire il provvedimento sono stati i carabinieri che hanno trasferito l’uomo alla casa circondariale di Caltagirone

“Reiterate violazioni della detenzione domiciliare e delle misure cautelari a cui era stato sottoposto dal gip del tribunale di Agrigento”. E’ per questo motivo che è arrivata un’ordinanza, della Corte d’appello di Palermo, che ha disposto il carcere per Gian Piero Lo Giudice, bracciante agricolo di 37 anni di Canicattì. Ad eseguire il provvedimento sono stati i carabinieri che hanno, dopo le formalità di rito, trasferito l’uomo alla casa circondariale di Caltagirone dove dovrà, adesso, restare a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il canicattinese, nel mesi passati, era stato condannato, dai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Agrigento - per le accuse di rapina, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, lesioni personali aggravate e detenzione illegale di arma - alla pena di 6 anni e 6 mesi di reclusione. I reati risalgono al dicembre del 2020. Il trentasettenne era stato sottoposto agli arresti domiciliari che avrebbe, però, stando all’accusa, violato ripetutamente. Ed è per questo quindi che è arrivato un provvedimento di aggravamento della precedente misura, stabilendo la detenzione in carcere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Reiterate violazioni alla detenzione domiciliare", bracciante agricolo portato in carcere

AgrigentoNotizie è in caricamento