Parcheggio comunale di Cugno Vela, sequestrati i locali vandalizzati

Gli agenti di polizia giudiziaria hanno provveduto a recintare l'area per scongiurare danni e nuovi raid

L'interno della struttura abbandonata e vandalizzata

E' in condizioni di abbandono ormai da anni, adesso al parcheggio di Cugno Vela oltre ad una catena che inibisce da mesi l'accesso all'area di sosta (l'unica oggi esistente per i bus turistici) arrivano i sigililli, ma non per tutta la struttura.

Gli agenti della polizia municipale, così come racconta l'edizione odierna del quotidiano La Sicilia, sono infatti intervenuti sequestrando la casina che si trova al centro del piazzale di sosta, ormai svuotata e praticamente semidistrutta dai raid vandalici condotti negli anni trascorsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un modo per evitare danni a persone o cose ma anche per limitare nuovi danneggiamenti, probabilmente. Questo nelle more che il Comune - che ha agito legalmente contro il Parco archeologico  per ottenere un indennizzo economico ai danni provocati dall'abbandono - decida di recuperare la struttura e renderla produttiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento