"Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

L'uomo, bloccato dalla polizia, è stato ritenuto responsabile di tentato omicidio: tutto è accaduto stanotte al viale Cannatello

(foto ARCHIVIO)

Una ventunenne è stata ricoverata - ed è in gravi condizioni - all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. Oltre ad essere tutta tumefatta, la giovane avrebbe anche un serio trauma ad un occhio. Sarebbe stata massacrata a pedate. Pedate scagliate da un uomo - lo zio, quarantaseienne, - che, a quanto pare, avrebbe indossato degli scarponi di infortunistica. L'uomo è stato arrestato dalla polizia di Stato. L'ipotesi di reato contestata è tentato omicidio. 

Il riserbo degli investigatori e degli inquirenti è fitto, anzi categorico. Tutto sarebbe avvenuto, stanotte, in viale Cannatello al Villaggio Mosè. Non è chiara la motivazione dell'aggressione. Al Villaggio Mosè si parla di una discussione a causa dell'utilizzo di una macchina, da parte della giovane, forse senza assicurazione. Al viale Cannatello, la ventunenne sarebbe stata raggiunta e selvaggiamente aggredita dallo zio: un marocchino già noto alle forze dell'ordine. A chiamare l'ambulanza del 118 e la polizia di Stato - erano le 4 circa di stamani - sarebbe stato il fidanzato della giovane, che avrebbe assistito al pestaggio. Al viale Cannatello sono immediatamente accorsi i poliziotti della sezione Volanti della Questura.  

La ventunenne è stata soccorsa, dopo che è appunto scattato l'allarme, ed è stata trasferita all'ospedale di contrada Consolida dove i medici hanno sciolto la prognosi in almeno 20 giorni. Resterebbe però ancora in fase di valutazione - da parte dei sanitari - il trauma che la ragazza avrebbe riportato ad un occhio. Ad essere arrestato, e l'ipotesi di reato contestata è quella di tentato omicidio, è stato lo zio: un marocchino di 46 anni. 

Sul posto dell'aggressione stamani erano al lavoro, per i rilievi di rito, e la loro presenza non è passata inosservata, anche gli agenti della Scientifica della Questura.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento