Assenteismo al Comune, revocate le prime ordinanze

Dieci impiegati sono stati indagati e raggiunti - lo scorso 20 agosto - dal provvedimento di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, per presunti allontanamenti dal luogo di lavoro

Un momento della conferenza stampa dei carabinieri per l'operazione "Vertigini"

Per Vito Perricone, di 61 anni, uno dei dipendenti comunali di Villafranca Sicula raggiunti da obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, la misura cautelare è stata revocata dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sciacca, Rosario Di Gioia. "Il mio cliente – spiega, al Giornale di Sicilia, l‘avvocato Vincenzo Castellano – nell’interrogatorio di garanzia ha dato una serie di spiegazioni e abbiamo effettuato anche una produzione documentale che ha indotto il giudice a revocare la misura".

LEGGI ANCHE: Assenteismo al Comune, scatta l'operazione "Vertigini"

Dieci dipendenti del Comune di Villafranca Sicula sono stati indagati, e raggiunti - lo scorso 20 agosto - dal provvedimento di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, per presunti allontanamenti dal luogo di lavoro. Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica di Sciacca, Roberta Buzzolani, e dal sostituto procuratore Christian Del Turco, si riferiscono ad alcuni mesi del 2016 quando i carabinieri hanno piazzato tre videocamere a Villafranca Sicula, una nell’area dove è ubicato il rilevatore del badge del Municipio e le altre due all’esterno, una in corso Vittorio Emanuele, nella zona antistante il municipio, e un’altra in via Campi, che controllava l’uscita laterale del Comune.

Un altro indagato difeso dall’avvocato Castellano, Paolino Girgenti, di 60 anni, nell’interrogatorio di garanzia si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma il legale fa sapere che sta preparando una documentazione da presentare al giudice con la richiesta di revoca della misura. Gli altri interrogatori di garanzia sono in corso.

VEDI IL VIDEO: Un'indagata al medico: "Metta lombosciatalgia ... per due giorni"

Il medico, Gaetano Montana, di 63 anni, posto ai domiciliari, nell’interrogatorio di garanzia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Gli avvocati Giovanni Vaccaro e Paolo Mirabella, che assistono il medico, stanno esaminando l’ordinanza e gli atti dell’inchiesta e poi decideranno anche sull’eventuale richiesta di annullamento da avanzare al Tribunale del Riesame di Palermo.

L’indagine "Vertigini" è stata svolta dai carabinieri della compagnia di Sciacca e da quelli della stazione di Burgio. E’ indagata anche la segretaria del medico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento