"Preso con un fucile illegale", venticinquenne finisce agli arresti domiciliari

I carabinieri erano andati a notificargli un provvedimento cautelare minore e hanno trovato l'arma a canne mozze con la matricola abrasa

I carabinieri erano andati in una casa di Villafranca Sicula dove si trovava Paolo Vinci, di 25 anni, di Sassuolo, per notificargli la misura dell'obbligo di dimora nei suoi confronti emessa dall'autorità giudiziaria di Reggio Emilia in un comune di quella zona, ma nella casa avrebbero trovato un fucile semiautomatico a canne mozze calibro 12, con matricola abrasa e con relative cartucce, risultato illegalmente detenuto, e alcune dosi di cocaina del peso complessivo di circa 5 grammi. Lo scrive oggi il Giornale di Sicilia.

Per il giovane prima è scattato il carcere e adesso, dopo l'udienza di convalida, il giudice del Tribunale di Sciacca, Antonino Cucinella, lo ha posto ai domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento